Interni

L’estrema destra a bocca asciutta: il ristorante italiano chiude le porte agli estremisti

Paese che vai, usanze che trovi. E non resta che a adeguarsi, senza troppe storie. Con il rischio di rimanere fuori dal ristorante a seconda delle proprie convinzioni politiche. Esattamente quello che è successo in un ristorante italiano in Germania, dove le porte sono rimaste chiuse di fronte alla destra estremista di Alternative fur Deutschland (Afd).

Il noto ristorante italiano del centro di Berlino, Bocca di Bacco, ha rifiutato la prenotazione di un tavolo ad alcuni dirigenti del partito Afd. “Non gradiamo servire i politici e i loro dipendenti che discriminano e discreditano gli uomini sulla base della loro provenienza, religione e posizione politica” hanno scritto i gestori del ristorante ai politici, motivando il loro rifiuto.
A pubblicare lo screenshot del messaggio di diniego è stato il portavoce del gruppo dell’Afd in parlamento, Christian Lueth, sul suo profilo Twitter. Secondo il politico di estrema destra, la scelta dei gestori del ristorante è “antidemocratica e stupida”. Il quotidiano tedesco Süddeutsche zeitung, citando l’agenzia di stampa Dpa, riferisce che i politici a cui è stato negata la prenotazione sono la leader del partito Alice Weidel, il co-fondatore Alexander Gauland, il deputato Bernd Baumann e il portavoce Jörg Meuthen.Il ristorante Bocca di Bacco viene definito dalla Dpa come un locale “quotidianamente frequentato dai politici e dagli imprenditori più in vista di Berlino”. Alternative fur Deutschland, partito alleato in Europa della Lega di Matteo Salvini, è la principale forza di opposizione in Germania. Alle elezioni politiche del marzo 2018 il partito di estrema destra ha raccolto il 13 per cento dei voti, quota che le ha garantito l’ingresso nel Bundestag, il parlamento tedesco, per la prima volta nella storia.

Da CasaPound a Forza Nuova: i rapporti tra Salvini e l’estrema destra