Esteri

Usa, irruzione dell’FBI nella casa in Florida di Donald Trump

Irruzione dell’FBI (Federal Bureau of Investigation, la polizia che si occupa di cirmini perpetrati ai danni della federazione americana e non in un singolo stato) nella residenza in Florida di Donald Trump.

Donald Trump

I federali hanno portato via scatole di documenti e forzata una cassaforte. L’ex presidente si trovava nella sua Trump Tower a New York ed è stato lui stesso a dare la notizia alla Cnn, parlando di: “strumentalizzazione della giustizia e un attacco dei democratici di sinistra radicali che vogliono disperatamente evitare che mi candidi alle elezioni del 2024. Questi sono tempi bui per la nostra nazione: la mia bella casa, Mar-a-Lago a Palm Beach, in Florida, è attualmente sotto assedio, perquisita e occupata da un folto gruppo di agenti dell’Fbi. Hanno persino fatto irruzione nella mia cassaforte!”. “Dopo aver lavorato e collaborato con tutte le principali agenzie governative questo raid non annunciato nella mia residenza non era nè necessario nè appropriato”.

Gli agenti federali all’esterno della residenza di Trump in Florida

L’FBI stava cercando prove per i crimini federali di cui l’ex presidente a stelle e strisce è accusato, non ultima l’aggressione a Capitol Hill nel giorno dell’insediamento del suo successore, Joe Biden. La giustizia era a conoscenza della presenza in Florida di quei documenti, ma gli si contesta di non aver consegnato tutto.

Torna su