Interni

Vaccino anti-Covid, anche la Germania sospende il farmaco AstraZeneca

Anche la Germania ha annunciato la decisione di sospendere la somministrazione del vaccino AstraZeneca. Una notizia arrivata proprio mentre in Italia finiva sotto sequestro un altro lotto del siero anglo-svedese, l’ABV5811, quello a cui apparteneva il vaccino somministrato al professore morto in Friuli e originario di Biella. Si tratta del secondo lotto bloccato a livello nazionale dopo l’ABV2856, ritirato dopo alcuni episodi drammatici riscontrati in Sicilia. L’Ema, l’ente dei farmaci europeo, ha invece confermato l’efficacia dei vaccini Pfizer, Moderna e Johnson&Johnson contro le varianti.

Vaccino, anche la Germania sospende il farmaco AstraZeneca

Con la Germania, sale il numero di Paesi che ha deciso di sospendere l’utilizzo di AstraZeneca. Prima dei tedeschi, a prendere la stessa posizione erano infatti stati Norvegia, Danimarca, Islanda, Finlandia, Olanda e Irlanda. Il ministero della Salute tedesco ha annunciato lo stop dopo le indicazioni del Paul Ehrlich Institut, che in via precauzionale consigliava “ulteriori approfondimenti” in relazione ai nuovi casi di trombosi che si sono verificati.

Un cambio di rotta netto, visto che soltanto qualche settimana fa Berlino aveva criticato la scelta dello stop danese e finlandese. In Italia, le dosi consegnate del vaccino Covid-19 del lotto ABV5811 di AstraZeneca, già bloccato in Piemonte, sono 393.600. A renderlo noto sono stati i carabinieri Nas, che stanno procedendo al sequestro presso tutti gli hub di distribuzione e i centri di vaccinazione. Un provvedimento che ha lo scopo di “porre a vincolo i quantitativi non ancora somministrati e presenti in giacenza”.

A Catania è stato sospesa la sommistrazione di un lotto di vaccini in via precauzionale per un problema nella catena del freddo. L’hub è quello realizzato nell’ex mercato ortofrutticolo di San Giuseppe La Rena. Una decisione arrivata dopo che gli operatori hanno notato che il frigorifero dove erano conservate le dosi ha avuto un problema con l’alimentazione elettrica. A scopo preventivo è stata decisa di non utilizzare quel lotto per le inoculazioni.

Ti potrebbe interessare anche: Esperta in Burlesque! Ecco la nuova assessora alla cultura di Roma scelta dalla Raggi