Sport

Frasi sessiste, sospeso il giornalista: per lui le donne nel calcio sono “uno schifo”

Alla fine è arrivata, e viene da dire per fortuna, la condanna del mondo dello sport verso il telecronista Sergio Vessicchio, che attraverso un’emittente locale salernitana aveva fatto scalpore per i suoi commenti all’incontro di calcio di Eccellenza tra Sant’Agnello e Agropoli. Una sfida durante la quale aveva definito “inguardabile” e “uno schifo” un’assistente donna. Frasi agghiaccianti che hanno spinto l’ordine dei giornalisti  a sospenderlo dopo il clamore suscitato dalla vicenda.

“Uno schifo vedere le donne che vengono a fare gli arbitri in un campionato dove le società spendono centinaia di migliaia di euro – aveva detto Vessicchio durante la telecronaca – ed è una barzelletta della federazione una cosa del genere, impresentabile per un campo di calcio”. A commentare l’accaduto, il presidente dell’ordine dei giornalisti della Campania Ottavio Lucarelli: “Il giornalista di Agropoli che ha deriso in diretta durante una partita di calcio una donna assistente dell’arbitro è stato sospeso. Grazie al nostro Consiglio di disciplina”.
Sulla vicenda si era espressa anche il ministro per la Pubblica Amministrazione Giulia Bongiorno: “Le espressioni utilizzate dal giornalista verso la donna assistente arbitro, nella gara tra il Sant’Agnello e l’Agropoli sono intollerabili. Sono certa che molto presto avremo anche delle ottime direttrici di gara, che si imporranno per preparazione, equilibrio e senso della misura”.

Sconcerto anche da parte del presidente dell’Aia, Marcello Nicchi, intervenuto sulla vicenda accaduta nel campionato Eccellenza in Campania: “Rimango sconcertato per le inqualificabili e discriminatorie espressioni utilizzate dal giornalista Sergio Vessicchio, telecronista per una TV locale della partita Agropoli-Sant’Angelo, nei confronti della nostra associata Annalisa Moccia, solo perché donna”.

Dalla parte di Wanda Nara: ecco perché il calcio italiano oggi ha bisogno di lei