Interni

Vibo Valentia, insulti choc ai ragazzi Down in pizzeria: “Cenare con loro fa vomitare”

“Cenare con loro fa venire la nausea”. Una frase choc, terrificante, rivolta a un gruppo di ragazzi con la sindrome di Down che si trovava all’interno di una pizzeria. Non un semplice, per quanto fuori luogo, scherzo. Ma una realtà fatta di discriminazione e cattiveria vera e propria. Una scena che si è verificata purtroppo nelle scorse ore in Italia, dove i proprietari di un locale si sono trovati a fare i conti con le lamentele di alcuni clienti che non volevano cenare accanto ai ragazzi del “Club dei ragazzi – gruppo per l’autonomia dei ragazzi con sindrome di Down”.

 “Non possiamo cenare accanto a chi ha la sindrome di Down, ci viene la nausea. Comprendiamo la malattia ma mangiare accanto a loro proprio no. A Roma queste cose non succedono” sono state le parole di una famiglia che si trovava all’interno della pizzeria di Filadelfia, in provincia di Vibo Valentia, nei confronti dei membri del “Club dei ragazzi-gruppo per l’autonomia dei ragazzi con sindrome di Down”. La denuncia arriva dal responsabile del club Francesco Conidi che di tale club è il responsabile e che ha denunciato il fatto. La sua protesta è stata ospitata anche dalla pagina Facebook “Vorrei Prendere il treno”.
“Il 23 dicembre sera, presso un locale di Filadelfia – racconta Conidi –  i ragazzi del Club hanno subito un grave atto di discriminazione.I giovani si trovavano con due accompagnatori, tra i quali un genitore di uno di loro, a mangiare una pizza. All’improvviso una famiglia, non del luogo, presente nel locale ha posto in essere una rumorosa protesta, sostenendo di avere nausea alla vista dei ragazzi, di “comprendere la malattia degli stessi ma di non poter cenare accanto a loro” e rivendicando il fatto che “a Roma certe cose non accadono”. I due accompagnatori, seduti a poca distanza dai ragazzi proprio per favorirne l’autonomia, si sono avvicinati chiedendo spiegazioni alla famiglia in questione, ma hanno ottenuto in risposta solo ulteriori insulti e di nuovo la conferma del fatto che erano nauseati dalla vista dei ragazzi, tanto da lasciare il locale subito dopo”.“Il comportamento di questa famiglia, incivile e del tutto disumano, ha profondamente offeso i nostri ragazzi e tutta la comunità di Filadelfia, da sempre sensibile e attenta al tema dell’inclusione. Lo stesso sindaco, informato dell’accaduto, ha da subito condannato l’atto discriminatorio, rivendicando l’attività di inserimento lavorativo che proprio in questo periodo il comune sta portando avanti nei confronti di alcuni dei nostri ragazzi. C’è da augurarsi che questi siano episodi isolati e destinati all’estinzione, anche se è sconfortante prendere atto che alle soglie del 2020 a una persona possa essere negata la libertà di cenare con gli amici, in tranquillità, senza subire offese di questo tipo, solo perché ha la sindrome di Down!”.

Fioramonti, bordata ai 5S: “Il sistema di rimborsi è poco trasparente”