Video

(VIDEO) Gaffe esilarante di Conte davanti agli studenti: “Einstein” diventa “Astàin”

Conte e le sue proverbiali gaffe. Conte e le sue improbabili pronunce. Stavolta Einstein diventa Astàin. E il video diventa subito virale sui social. “Diceva Albert Astàin…”. Inizia così la citazione del presidente del Consiglio Giuseppe Conte davanti agli studenti dell’istituto Regina Margherita di Roma. La pronuncia, clamorosamente sbagliata, del nome del grande fisico e filosofo tedesco è valsa al premier l’ironia del web e di tutti i presenti in sala.

Il video è stato subito condiviso da numerosi utenti nell’arco di poco tempo ed ecco qua che il presidente del consiglio è di nuovo finito agli onori della cronaca per qualcosa che con la politica c’entra poco, anche perché, si sa, di quella se ne occupano i suoi due capi, Di Maio e Salvini.

Le immagini di questa ennesima gaffe risalgono alla presentazione del videogioco Cybercity Chronicle, nato dalla collaborazione della presidenza del Consiglio dei ministri e Miur, occasione in cui erano sorte polemiche in seguito alla pubblicazione di immagini dei bambini della scuola sui social della Presidenza del Consiglio prima di aver ottenuto le liberatorie da parte dei genitori, alcuni dei quali hanno fatto ricorso al Garante per la privacy.

Gaffe nella gaffe, quindi. Ma Conte non è nuovo a questo tipo di interventi strampalati. Dopo la performance al Vinitaly di Verona (dove era apparso visibilmente alticcio) e quella al salone del mobile di Milano dove è stato redarguito dagli addetti alla sicurezza, ecco dunque un’altra chicca del premier.

Per il suo inglese si era già distinto, facendo sprofondare nella tristezza tutti i fan 5Stelle che fino al giorno prima ironizzavano su Renzi e il suo “shish”. C’avevano sperato che Conte avrebbe avuto miglior sorte in campo internazionale, e invece… Un giorno sì e l’altro pure finisce sui social per qualche strafalcione e via con le risate di tutti.

 

Ti potrebbe interessare anche: “Fermo, non toccare!”. La custode del Salone non riconosce Conte e lo sgrida