Interni

Viterbo: “Così abbiamo incastrato i due responsabili dello stupro”

“Una serata di allegria è finita in tragedia”. Così Tiziana Cencioni, vice questora di Viterbo, ha descritto l’agghiacciante caso andato in scena a Viterbo, dove una donna di 36 anni è stata violentata lo scorso 12 aprile da due ragazzi legati al partito di estrema destra CasaPound. “La ragazza è stata stuprata all’interno di un circolo privato che fa capo ai militanti del partito, usato per eventi culturali del movimento” ha poi confermato la stessa Cencioni.

Il luogo delle violenze è l’Old Manners Tavern, in piazza Sallupara a Viterbo. Il locale è ora sottoposto a provvedimento di sospensione di somministrazione ai sensi dell’articolo 100 del Testo Unico Leggi di Pubblica Sicurezza. “Tutte le scene di violenza sono state riprese con un telefonino da parte dei due ragazzi” ha spiegato la Cencioni alla testata Open.
“Quando la donna si è poi recata in ospedale per denunciare quanto accaduto e ci ha detto dove è successo, le abbiamo mostrato delle foto che abbiamo a disposizione e ha riconosciuto gli autori del reato. Dentro i telefonini c’erano le riprese: ecco come si è arrivati agli ordini di custodia cautelare a cui si è giunti”. Uno dei due arrestati, Francesco Chiricozzi, è consigliere comunale nel comune di Vallerano.Proprio sul conto di Chiricozzi, la vice questora ha confermato anche il suo coinvolgimento in un’aggressione avvenuta a Vallerano tre anni fa. Il consigliere comunale era stato denunciato insieme all’attuale capogruppo di minoranza, sempre di CasaPound, Jacopo Polidori, “condannato in primo grado” e ora in attesa della sentenza di appello. Per Chiricozzi, all’epoca minorenne, “il procedimento pendeva davanti al tribunale dei minori”.

Il consigliere di CasaPound scriveva: “Difendi le donne dai neri violentatori”