Wearable Tech Torino, il futuro che indosseremo

786

Fitness tracker, smartwatch di raffinato design, smartglasses per la realtà aumentata e bracciali salvavita per chi soffre di epilessia, anelli fashion con gps incorporato o un comodo terzo occhio per ciclisti alle prese col temibile traffico cittadino: il futuro è wearable! Il futuro è a Wearable Tech Torino…

Che sia uno dei trend in crescita nel prossimo futuro lo dimostrano i grandi investimenti dei colossi dell’hi-tech che scommettono volentieri in questa direzione e il numero sempre crescente dei prototipi pronti ad essere immessi sul mercato grazie ai goal ottenuti col crowdfunding da startup in tutto il mondo.

Se a questo punto siete curiosi di provare gli ultimi smart devices e di testarne le possibilità, l’appuntamento da non perdere è a Torino, al padiglione 5 di Lingotto Fiere il 18 e 19 novembre dove si svolgerà WTT (Werable Tech Torino), il primo evento in Italia dedicato esclusivamente alle tecnologie indossabili.

WTT è organizzato da JEToP, – Junior Entreprise Torino Politecnico – in collaborazione la prestigiosa università torinese che ha ‘incubato’ gli ideatori della fiera. Nato lo scorso anno per avvicinare il grande pubblico ai nuovi devices, WTT è un evento ad alto tasso di innovazione, un luogo di incontro e di scambio di idee e progetti per programmatori e startuppers.

4 le macroaree di esposizione: Future&Innovation, Start-Up&NewEconomy, Medical&Wellness, Fashion&SmartTexiles, oltre 30 gli espositori tra brand di fama mondiale e startup che presentano in questa occasione nuovi smart devices e prototipi destinati sia all’utenza business che consumer.
25 i talks previsti per esplorare a 360° il presente e il futuro della tecnologia wearable, oltre 8.000 i visitatori della scorsa edizione.

Tra i gadget in esposizione è atteso lo smartwatch di HTC, un device per il fitness che monta un sensore per monitorare il battito cardiaco e si interfaccia col sistema operativo Android Wear e il nuovissimo ‘Pebble Time Round’, annunciato per il prossimo novembre è una versione più classica e sottile del Pebble che ha già conquistato il mercato per il suo prezzo competitivo.

CONDIVIDI
Flavio Righi
Freelance, appassionato di musica e di cinema, un passato da foto reporter, inviato anche all’estero, decide di dedicarsi al mondo del business e della tecnologia, dando sfogo ai suoi interessi personali.