Tecnologia

WhatsApp cambia volto: nuovi limiti per combattere le fake news

WhatsApp cambia regole nel bel mezzo dell’emergenza coronavirus, per venire incontro alle autorità impegnate in questi giorni anche sul fronte della lotta alla diffusione delle “fake news” che spaventano la popolazione e forniscono informazioni non veritiere. La popolare app di messaggistica ha così annunciato di voler limitare a una sola chat per volta l’inoltro di messaggi considerati “virali”, cioè che sono già stati inoltrati molte volte.

Al momento è possibile inoltrare un qualsiasi messaggio, che sia virale o meno, fino a cinque chat per volta, che siano conversazioni con singole persone o gruppi. I messaggi virali sono quelli contrassegnati da una doppia freccia   che segnala i messaggi provenienti da più inoltri e quindi di provenienza incerta: la doppia freccia è stata inserita mesi fa da WhatsApp per segnalare a chi riceve un messaggio quando questo potrebbe contenere informazioni fuorvianti o palesemente false. Il nuovo limite dovrebbe servire a impedire la circolazione di notizie false riguardanti la pandemia da coronavirus, e verrà introdotto attraverso i prossimi aggiornamenti.
“Ovviamente, non tutti i messaggi inoltrati contengono notizie false o contribuiscono alla disinformazione” si legge nel comunicato con cui WhatsApp ha annunciato la novità, sottolineando come la maggior parte degli utenti usi la funzione di inoltro multiplo per condividere informazioni utili o meme divertenti. “Di recente, WhatsApp è stata utilizzata anche per organizzare manifestazioni a sostegno degli operatori sanitari impegnati in prima linea. Tuttavia abbiamo riscontrato un notevole incremento della quantità di messaggi inoltrati. Molti utenti ci hanno riferito di essere infastiditi da questi messaggi e di temere che possano contribuire alla diffusione di notizie false. Riteniamo pertanto che sia importante rallentare la propagazione di questi messaggi per mantenere WhatsApp un luogo dedicato alle conversazioni private”.

Coronavirus, in Italia a rischio 1 milione di imprese: “Choc epocale”