Esteri

Ucraina, Zelensky: “Ci riprenderemo tutto, la Russia è debole”

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky si reca in visita nella città di Kharkiv. Per prima cosa decide di licenziare il capo del servizio di sicurezza nella regione. Poi, in un video postato sui suoi canali social, prova ad infondere coraggio al suo popolo, promettendo che l’Ucraina si riprenderà presto tutti i territori che la Russia gli ha sottratto fino a questo momento. Fondamentali per questo scopo, aggiunge il presidente, saranno le armi pesanti che l’Occidente dovrebbe inviare in quantità sempre maggiori.

Zelensky avverte Putin

Il capo della sicurezza della regione di Kharkiv, Roman Dudin, è stato licenziato “perché, dai primi giorni dell’invasione su vasta scala, invece di lavorare per la difesa della città, ha curato i propri interessi. Quali sono le motivazioni, lo scopriranno le forze dell’ordine”, riferisce Zelensky secondo il quale “a causa degli attacchi russi, Severodonetsk è praticamente distrutta. Il 90% delle abitazioni è danneggiato”.

“Zelensky si dice “grato a tutti coloro che continuano a resistere. Non vogliono lasciarci né la libertà, né le case, né la vita. Ma è solo una questione di tempo” prima che l’Ucraina si riprenda tutti i territori conquistati dalla Russia. – promette solennemente – L’Ucraina si riprenderà tutto. Questo è un imperativo. Ed è solo una questione di tempo. Ogni giorno, alla stessa ora, il tempo prima della liberazione si accorcia. Tutto ciò che facciamo è per questo”.

“Soprattutto, in termini di fornitura di armi, ogni giorno ci avviciniamo sempre più al numero del nostro nemico. – spiega ancora Zelensky – Domineremo gli occupanti con un potere d’attacco tecnologico e convenzionale. Molto dipende dai nostri partner. Sono pronti a fornire all’Ucraina tutto il necessario per difendere la libertà. Quindi mi aspetto buone notizie su questo fronte già dalla prossima settimana. Questo era l’obiettivo scelto dalla Federazione Russa che con le sue azioni ricorderà al mondo come debba essere ufficialmente riconosciuta come uno stato terrorista, uno stato sponsor del terrorismo”, conclude.

Potrebbe interessarti anche: Ucraina, Zelensky accusa Putin: “Genocidio nel Donbass”

Torna su