Esteri

Letta critica Zelensky: “Non puoi considerare Steinmeier persona non grata”

Volodymyr Zelensky riesce a far perdere la pazienza a mezza Europa, compreso il segretario del Pd Enrico Letta. Il presidente ucraino ha definito persona non gradita il presidente tedesco Frank-Walter Steinmeier, che ha dovuto così rinunciare alla sua visita a Kiev. Il cancelliere tedesco Olaf Scholz si è detto irritato da questa presa di posizione degli ucraini. E anche Letta non ha potuto fare a meno di bacchettare Zelensky. Dietro l’irritazione di Kiev ci sarebbe il fatto che Steinmeier, da ministro degli Esteri di Berlino, sarebbe stato uno dei principali fautori dell’avvicinamento economico e politico a Mosca.

Enrico Letta

“Un presidente della Repubblica di un Paese europeo non può essere considerato persona non grata da un Paese candidato ad entrare in Europa”. Così Enrico Letta esprime tutto il suo sdegno per la decisione del governo ucraino di considerare persona non gradita il presidente tedesco Steinmeier. Un incidente diplomatico che proprio non ci voleva e si sarebbe potuto facilmente evitare secondo il segretario del Pd.

Ma cosa ha provocato lo sdegno di Letta e quello di altri politici europei? Durante la sua visita a Varsavia, a Steinmeier è stato proposto dal presidente polacco Andrzej Duda di recarsi a Kiev insieme ai presidenti dei tre Paesi baltici, Estonia, Lettonia e Lituania. Delegazione poi effettivamente giunta a Kiev in segno di solidarietà europea verso l’Ucraina.

Peccato che il presidente tedesco sia stato costretto a rinunciare a causa del gran rifiuto opposto dal governo Zelensky. “Ero pronto a farlo. Ma a quanto pare, e devo accettarlo, questo non è gradito”, dichiara amareggiato Steinmeier in conferenza stampa. “Non è il benvenuto in questo momento. Vedremo se le cose cambieranno in seguito”, aveva intanto comunicato un diplomatico ucraino al quotidiano tedesco Bild. La colpa di Steinmeier agli occhi degli ucraini è quella di aver contribuito a rendere ancora più stretti i legami commerciali con la Russia, sia sotto il governo di Gerhard Schröder che di Angela Merkel. Steinmeier è stato anche tra i protagonisti degli accordi di Minsk tra Russia e Ucraina sul Donbass.

Potrebbe interessarti anche: Ucraina, Zelensky: “Le nuove sanzioni alla Russia non bastano”

Torna su