Business

Export italiano: crescita diffusa del +3,8%

export italia

Nel quarto trimestre 2015, l’export italiano vede il segno più. Secondo gli ultimi dati Istat, infatti, la crescita congiunturale delle esportazioni di beni risulta più ampia per le regioni meridionali e insulari (+2,1%). Per il Nord-est e il Nord-ovest, invece, la crescita risulta più contenuta (rispettivamente del 2 e  1%), mentre il Centro Italia risulta il fanalino di coda con un risicato +0,9.

I dati del 2015 vedono una crescita dell’export nazionale del +3,8%, anche se appesantita dal segno meno dell’Italia insulare (-7,3%). Con +10,2% l’Italia meridionale ha registrato la crescita più importante, ben 5 punti sopra il centro nord.

Quali sono in settori in crescita?

Aumentano le esportazioni di autoveicoli da Basilicata e Piemonte, e di articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici dal Lazio. Nel 2015 si registra una forte contrazione delle vendite di prodotti petroliferi raffinati da Sicilia e Toscana e di metalli di base e prodotti in metallo dalla Lombardia.

Aumentano le esportazioni del made in italy verso gli Stati Uniti di Piemonte, Emilia-Romagna e Lombardia; mentre il Lazio consolida la sua posizione in Belgio. La Basilicata punta al Regno Unito, tanto da registrare un +449 per cento.

Regioni: promossi e bocciati 

Tra le regioni che contribuiscono alla crescita dell’export troviamo al primo posto la Basilicata (+145,7%). Sul secondo e terzo gradino del podio abbiamo Lazio (+9,2%) Piemonte (+7,0%). A seguire Veneto (+5,3%), Emilia-Romagna (+4,4%) e  Lombardia (+1,5%). Tra quelle che forniscono invece un contributo negativo si segnalano Sicilia (-12,4%), Liguria (-4,2%) e Marche (-2,3%).

Province: promossi e bocciati 

Tra le province che nel 2015 hanno contribuito a questo dato positivo troviamo Potenza (+185,1%), Latina (+17,9%) e Torino (+10,5%). A seguire  Firenze (+7,2%), Bologna (+5,5%), Treviso (+5,0%), Parma (+9,6%), Varese (+5,5%) e Verona (+5,5%).  Subiscono un forte ridimensionamento le province di Livorno, Siracusa, Pavia e Genova.

Scrivi un tuo commento

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top