Lifestyle

Nel 2018 la fine del diesel, ma non a causa del prezzo del gasolio

Oramai sembra realtà, la fine del diesel potrebbe avvenire entro la fine del 2018 e non per il prezzo del gasolio. I costi infatti scendono e salgono in base a molteplici fattori economici, anche se il “diselgate” ha sicuramente influito in maniera negativa. Sappiamo però che anche se le auto in circolazione che lo utilizzano sono la maggioranza, questo carburante è destinato ad abbandonare i serbatoi.

L’ultima a render note le sue intenzioni è stata la FCA (Fiat Chrysler Automobiles) attraverso il ‘Financial Times’. La multinazionale, che comprende i marchi delle vetture Abarth, Alfa Romeo, Chrysler, Dodge, Fiat, Jeep, Lancia, Ram e Maserati, ha dichiarato che il piano quadriennale sarà presentato a giugno prossimo e tra le novità ci sarebbe quella di voler eliminare gradualmente il gasolio dalle auto. L’uscita dal mercato definitiva è prevista per il 2022.

Leggi anche: Carburanti, aumentano benzina e diesel

mercato dell'auto in caloAddio al diesel

La FCA non è l’unica impresa nel settore automobilistico a voler eliminare completamente il gasolio dalla sua produzione. Sta di fatto che anche altre case automobilistiche, proprio come Volkswagen, la Porshe, la Mercedes e la giapponese Toyota, hanno resa nota la medesima intenzione.

E le motivazioni non sono certo tutte legate allo scandalo sulle emissioni, ma i governi hanno iniziato a tagliare gli incentivi per questo tipo di carburante che alla sua nascita costituiva davvero un’alternativa valida e più ecologica alla benzina, oltre ad essere meno costoso. Non solo i governi, ma le stesse città stanno pianificando progetti ambientali che tengono conto delle emissioni tanto che, come ha fatto Parigi, dove sarà vietata la circolazione delle vetture a gasolio entro il 2030. Perché dunque continuare a produrle?

Leggi anche: Il ritorno delle auto elettriche per un Europa green: incontro al vertice per abbattere le emissioni di CO2

La situazione diesel in Italia

L’Italia resta indietro rispetto agli altri paesi che già vertono su scelte diverse. Nel nostro paese, le auto a gasolio rappresentano ancora il 56% del mercato totale, forse “Ciò perché il governo italiano non ha ancora assunto una posizione chiara contro il diesel e perché l’Italia è il terzo Paese europeo dove la benzina costa di più”, ha azzardato al Financial Times Felipe Munoz, un’analista di Jato Dynamics.

Qual è dunque il futuro dell’auto?

Leggi anche: L’auto elettrica non è la soluzione ottimale per il futuro, secondo Sergio Marchionne e Vladimir Putin

Le auto elettriche

Una volta detto addio al motore diesel, il futuro si prospetta roseo per auto ibride e veicoli elettrici. Infatti sappiamo che il petrolio e i suoi derivati sono una fonte non rinnovabile e altamente  inquinante, per questo destinata a finire. Soprattutto dopo l’ennesimo summit sul cambiamento climatico, la nostra epoca ha intrapreso la corsa all’ecosostenibilità.

Spazio dunque alle auto  elettriche come Nissan Leaf e Tesla Model S, dove la previsione generale le vede superare la quota del 50% sul mercato entro il 2030.