Start Up & Imprese

Amazon, ti sta cercando per avviare attività di consegna

Amazon dice di voler reclutare imprenditori per costruire una rete nazionale di piccole società di consegna indipendenti – guidando i furgoni in leasing con il marchio Amazon. L’azienda vuole aiutare a lanciare le piccole imprese negli Stati Uniti dedicate a portare i pacchetti nell’ultimo passaggio del loro viaggio: dai centri di smistamento Amazon locali ai clienti che li hanno ordinati. Amazon promette consegne veloci, soprattutto per i membri Prime che potrebbero non essere soddisfatti di ricevere i loro acquisti in ritardo quando devono pagare $ 20 in più per un abbonamento in corso. Per essere in grado di tenere il passo con la domanda e rimanere fedele alla sua parola, il titano dell’e-commerce ha lanciato un’iniziativa che incoraggia le persone a iniziare le proprie attività di consegna di piccoli pacchi per l’azienda. Il progetto Amazon Delivery Service Partner offre agli imprenditori veicoli con marchio Amazon scontati per consegna, uniformi di marca, carburante e copertura assicurativa completa, tra le altre cose, per un investimento minimo di $ 10.000.

amazon-delivery-partner

Leggi anche: Amazon Prime, il servizio sbarca in Australia

Il nuovo programma di Amazon

Amazon sta cercando di espandere le proprie operazioni logistiche e di risolvere le consegne dell’ultimo miglio offrendo alle piccole imprese strumenti chiavi in mano per avviare le società di consegna. Per il gigante dell’e-commerce, lo sforzo vale la pena se può espandere i servizi di consegna. Il colosso dell’e-commerce ha annunciato il suo nuovo programma Delivery Service Partners. Ogni unità di consegna inizierà la propria giornata in una delle 75 stazioni attuali di Amazon negli Stati Uniti, dove i pacchi ordinati da Amazon.com vengono raccolti dai conducenti che indossano camicie con colletto blu con un logo Amazon e cappelli neri. 

Gli algoritmi determineranno quali pacchetti vengono inviati a queste stazioni di consegna e che vengono inviati ad altri partner di consegna, come FedEx e UPS. “Si tratta di ridimensionare i costi in modo efficace”, ha affermato Dave Clark, vicepresidente senior di Amazon Worldwide Operations, aggiungendo che il nuovo programma di distribuzione contribuirà a far fronte alla crescita dell’e-commerce. “Dovremo soddisfare questa crescita e sta superando la crescita dei nostri fornitori principali “. In teoria, l’espansione di Amazon con le piccole imprese di logistica aziendale potrebbe migliorare la consegna, l’adempimento e il servizio clienti in giornata.

amazon-delivery-partner

Leggi anche: Amazon: drone per le consegne in arrivo

Quanto potrebbero guadagnare i partecipanti?

La compagnia dice anche che i partecipanti hanno il potenziale per guadagnare fino a $ 300.000 di profitti ogni anno per una flotta di 40 veicoli. Coloro che scelgono di andare fuori tutto e ottenere 40 furgoni per i loro affari dovrebbero ovviamente sborsare più soldi,  soprattutto perché hanno bisogno di assumere circa 100 conducenti per gestire le cose senza problemi. Dave Clark, VP senior di Amazon per le operazioni a livello mondiale, ha dichiarato al New York Times che spera di ottenere centinaia di iscrizioni nel corso del prossimo anno. Se diventa un successo negli Stati Uniti, potrebbe essere distribuito in altri paesi in tutto il mondo.

Amazon ha dichiarato di avere accordi esclusivi per l’acquisto di furgoni di marca, assicurazione, dispositivi palmari e altri servizi. Il gigante dell’e-commerce offre anche formazione a partire da Seattle per una settimana e poi due sul campo con i proprietari esistenti. Sono inclusi strumenti tecnologici, supporto on-demand e migliori pratiche logistiche. È l’ultimo tentativo di Amazon di ottenere un maggiore controllo della rete di consegna al centro della sua attività Prime, che spedisce 5 miliardi di pacchi all’anno a livello globale. Quindi cosa aspetti! Puoi fare domanda per avviare la tua piccola attività, consegnando pacchetti Amazon Prime in furgoni e uniformi con marchio Amazon.

Leggi anche: Amazon accordo con Poste Italiane: cosa cambia per le consegne