Amazon Prime: i clienti sono oltre 100 milioni

Amazon Prime: i clienti sono oltre 100 milioni

E’ stato per anni uno dei più grandi segreti di Amazon: quante persone pagano per l’abbonamento a Prime. Il raggiungimento di una cifra tonda “importante” sembra aver spinto il CEO Jeff Bezos a sollevare finalmente il velo: «13 anni dopo il lancio, abbiamo superato i 100 milioni di utenti premium (di Amazon Prime, ndr) a livello globale», ha scritto il numero uno di Seattle nella lettera di quest’anno agli azionisti. Bezos ha aggiunto che nel 2017, il numero di nuovi abbonati a Prime è stato il più alto rispetto a qualsiasi altro anno. L’abbonamento ad Amazon Prime negli Stati Uniti costa 99 dollari all’anno (in Italia è stato recentemente portato da 19,99 a 36 euro l’anno) e attira le persone con la spedizione gratuita in due giorni e l’accesso allo streaming di video e musica. L’anno scorso e all’inizio di quest’anno , Amazon ha aggiunto tariffe Prime scontate per i destinatari di Medicaid e programmi di assistenza governativa.

jeff bezos amazon lettera azionisti 2018Amazon Prime: un grande affare per la società di Jeff Bezos

Gli abbonati Amazon Prime sono noti per essere più redditizi per la società guidata da Jeff Bezos: secondo i Consumer Intelligence Research Partners questi utenti spendono il doppio di soldi ogni anno rispetto ai non membri. Gli analisti hanno proiettato il numero di abbonati paganti di Amazon da circa 65 milioni a 85 milioni, mentre la compagnia aveva storicamente fatto riferimento a “decine di milioni”.
In una lettera agli azionisti nel 2016 , Bezos aveva scritto: “Vogliamo che Prime abbia un così buon valore, che sia impensabile non essere un membro”. Le lettere annuali di Bezos agli azionisti di Amazon sono una lettura popolare nel mondo degli affari. Nella nota di quest’anno, riflette sul valore di stabilire standard più elevati (“Credo che alti standard possano essere oggetto di insegnamento”, afferma il numero uno di Amazon), sull’arte di creare grandi offerte e sulle aspettative sempre crescenti dei clienti.

Non solo e-commerce: dalla tv via cavo alla moda e alla smart-home

La lettera diffusa ieri, nel percorrere le recenti pietre miliari di Amazon, mette in evidenza l’enorme campo d’azione dell’azienda: la sua massiccia attività cloud-server, l’assistente intelligente Alexa e i dispositivi domestici basati su Alexa, la pluripremiata produzione di TV e film, lo streaming via cavo e le reti televisive, una recente spinta verso la moda, il lancio di un negozio senza sede a Seattle e l’acquisizione da 14 miliardi di dollari di Whole Foods. Inoltre, Bezos non ha menzionato le spinte relativamente nascenti di Amazon verso la sicurezza domestica con l’acquisto di Ring e dei piani vaghi per l’assistenza sanitaria della società, che avevano spaventato il settore. Nella lettera di mercoledì, Bezos ha dichiarato che Amazon impiega più di 560.000 persone a livello globale. Amazon ha inoltre aumentato drasticamente il numero di piccole imprese e altri venditori di terze parti che competono con la propria attività di vendita al dettaglio sulla sua piattaforma commerciale. Nella lettera, Bezos ha detto che il 2017 è stato il primo anno in cui più della metà delle merci vendute su Amazon in tutto il mondo provenivano da venditori di terze parti.

Leggi anche: Amazon, Apple, Facebook, Google: ecco perché sono e saranno leader

CONDIVIDI
Paolo Cantulla
Vero, ispirato, innovatore: sono i concetti legati al suo impegno giornalistico. Ormai attivo da anni nel settore, collabora con diverse riviste trattanti tematiche legate al business ed alla tecnologia digitale.