Amazon, Apple, Facebook, Google: ecco perché sono e saranno leader

Amazon, Apple, Facebook, Google: ecco perché sono e saranno leader

Gli investitori durante i due giorni della testimonianza del fondatore di Facebook Mark Zuckerberg al Congresso la scorsa settimana, hanno mandato un messaggio chiaro. In entrambe le sessioni le azioni di Facebook sono aumentate di valore nonostante i timori di una possibile regolamentazione del grande social network da parte dell’amministrazione USA. Nelle stesse ore le azioni di Amazon, Apple e Google sono state tra le più scambiate, anche se non più al loro picco di valore. Questi quattro titoli sono stati tra i leader di mercato dell’indice Standard & Poor’s durante tutto il 2017, molto positivo per Wall Street. Se aggiungete Netflix al gruppo, la formidabile leadership del mercato azionario è completa. Le udienze di Zuckerberg e Google hanno sollevato interrogativi sulla futura leadership di questi titani digitali nell’economia americana. Di recente è stato pubblicato un libro su questo argomento, intitolato “The Four: The Hidden DNA di Amazon, Apple, Facebook e Google”,  di Scott Galloway, un professore della NYU Business School. Lo consiglio vivamente a tutti gli investitori che vogliono capire il potere di queste influenti aziende. Il libro ha anche approfondimenti su Alibaba, il rivenditore online cinese, Tesla, il produttore di auto elettriche, Microsoft, Wal-Mart e Uber. Il libro coglie perfettamente le intuizioni che fanno di questi giganti i preferiti dei grossi investitori.

Amazon

Come ormai tutti dovrebbero rendersi conto, “Amazon vincerà, poiché gioca a poker con dieci volte le chips. Amazon può stimolare tutti gli altri fuori dal gioco”, scrive Galloway nel libro in cui spiega perché questi giganti di internet sono destinati ad aumentare il tuo patrimonio netto più velocemente di molti altri investimenti. Amazon è il “più grande negozio della terra”, scherza Galloway. “L’immenso valore che Amazon ha consegnato ai consumatori ha creato il marchio di retail più affidabile e stimabile del pianeta.” Non solo, ma “mentre il mondo pensa ancora ad Amazon come rivenditore, la società è diventata tranquillamente una società di servizi cloud, la più grande del mondo”. E la maggior parte di Wall Street concorda sull’invincibilità di Amazon.

Leggi anche: Facebook e fake news: il vero problema sono i meme

Apple

Apple è il nuovo grande magazzino di Warren Buffett, una mossa pronunciata nel magico mondo della tecnologia elegante. Galloway sottolinea la bellezza di Apple come marchio di lusso, paragonando la proprietà di un iPhone alla guida di un’automobile come una Porsche. “Apple”, scrive, “è la prima azienda tecnologica ad avere successo nel multigenerazionale.” Controlla il 14,5% del mercato degli smartphone, ma cattura l’80% dei profitti globali degli smartphone. La sua natura speciale è quella di avere fondatore iconico: Steve Jobs è stato per Apple ciò che Jeff Bezos è per Amazon. Aggiungi una copertura globale, un prezzo premium e un’integrazione verticale e hai uno degli stock comuni più desiderabili che esista oggi. Gran parte di Wall Street ritiene che le azioni di Apple abbiano un prezzo razionale rispetto al premio straordinario di cui godono oggi le azioni di Amazon.

Facebook e Google

“Se le dimensioni contano, (ed è così) –  scrive Galloway – Facebook forse è la cosa di maggior successo nella storia dell’umanità”. Facebook ha 2 miliardi di utenti in tutto il mondo e possiede tre delle piattaforme più veloci che hanno scalato rapidamente ai vertici come numero di utenti, Instagram e WhatsApp. Facebook sta guadagnando influenza più velocemente di qualsiasi azienda nella storia. “Ciò che ha attirato l’attenzione potenzialmente negativa su Facebook è la sua capacità di indirizzare le persone e comunicare agli altri il loro contenuto personale. Per i marketer di tutto il mondo, una su sei persone del pianeta che sono su Facebook ogni giorno è il “nirvana”, informazioni che non possono essere reperite ovunque.
In combinazione con Google, Facebook controllerà una quota enorme della crescita della pubblicità digitale nel mondo. “Con la sua portata globale, il suo capitale quasi illimitato e il suo sistema di elaborazione dati sempre più intelligente, Facebook, in combinazione con Google, devasterà gran parte del mondo dei media analogici e digitali”, scrive Galloway. Insieme, le due società sono sulla buona strada per reinventare la pubblicità per il 21° secolo. Non c’è da stupirsi che così tanti investitori debbano tenere traccia di ciò che Facebook e Google significano per il commercio globale. Nulla di simile è mai stato creato prima. Non c’è da stupirsi che ci sia una polemica diffusa su questa concentrazione di potere. Senza dubbio saremo inondati di tentativi per limitare il potere di questi due giganti. Gli “incidenti” con la politica e le questioni relative alla privacy potrebbero rallentare l’ascesa delle loro azioni nel 2018.

Leggi anche: Ecco cosa Google sa di me e te

CONDIVIDI
Paolo Cantulla
Vero, ispirato, innovatore: sono i concetti legati al suo impegno giornalistico. Ormai attivo da anni nel settore, collabora con diverse riviste trattanti tematiche legate al business ed alla tecnologia digitale.