Lifestyle

Ecco cosa Google sa di me (e probabilmente anche di te) – prima parte

Se sei come me, l’utilità spesso vince sulla prudenza. Probabilmente hai già effettuato l’accesso a un prodotto Google. E come me e te lo hanno fatto miliardi di altre persone in tutto il mondo. A marzo secondo NetMarketShare, una società che raccoglie dati da circa 100 milioni di sessioni di navigazione internet al mese, più dell’80% del traffico di ricerca su Internet in tutto il mondo è passato da Google. Ma la portata di Google si estende ben oltre le ricerche su Internet. La società gestisce una suite di prodotti, tra cui Gmail, Maps, Chrome, YouTube, Google Play Store e il sistema operativo Android. Sette prodotti Google hanno più di un miliardo di utenti e la società ha una cache di dati su molti di essi. L’anno scorso, Google ha annunciato che Android ha superato 2 miliardi di utenti mensili attivi. Le notizie sull’uso dei dati di Facebook da parte di Cambridge Analytica per indirizzare gli americani e influenzare le loro opinioni politiche hanno messo al microscopio tutte le principali società tecnologiche e i dati che raccolgono sui loro utenti. Ha spinto molti a chiedersi che cosa sa Facebook – e, per estensione, Google e altre aziende – di noi. Un ottimo articolo pubblicato su un noto webmagazine americano dedicato alla tecnologia mi ha convinto a fare un controllo su me stesso.

Perché controllare i dati di Google

Google ha iniziato sei anni prima di Facebook. Non ricordavo esattamente quando avevo aperto il mio primo account Google, tuttavia quando l’ho scoperto e ho scoperto quanti dati ho scelto (consapevolmente) di condividere con Big G mi sono spaventato. Google è stato un importante fornitore di utilità nella mia vita. Ho usato i prodotti dell’azienda per inviare email, navigare, scrivere e ricercare. La ricerca Google è la mia home page e utilizzo il browser Internet di Google, Chrome. Ho aperto il mio account Google oltre dodici anni fa. Ho aperto il mio account Facebook un paio di anni dopo. In altre parole, Google sa molto più su di me che su Facebook. Sa cose su di me che non voglio necessariamente condividere con i miei amici o la mia famiglia. Sa cose su di me che preferisco mantenere private.
Leggi anche: Il nuovo browser di Google ti mostra cos’è l’Intelligenza Artificiale

Come scaricare i tuoi dati di Google

Ottenere l’accesso ai dati che Google memorizza su di te è semplice. Basta visitare il servizio Takeout di Google. Takeout è stato lanciato nel 2011 per offrire agli utenti un modo rapido e semplice per scaricare i dati archiviati dall’azienda. Sono necessari alcuni minuti per completare un modulo che richiede i tuoi dati da Google. La società ti invierà un’e-mail con un link ai tuoi dati una volta elaborata la tua richiesta.
Ci sono volute diverse ore prima che i miei dati arrivassero. La società mi ha inviato quattro archivi ZIP di dati. In totale, la mia cache di dati era più di 9 gigabyte. “Il tuo archivio di dati di Google è pronto”, recitava l’oggetto dell’email. Questi quattro archivi contenevano all’interno tutto ciò che Google sapeva di me. Gli archivi sono stati decompressi in più di 30 cartelle, ciascuna contenente dati specifici dell’applicazione. I file sembravano infiniti… e pensare che avevo escluso i blog ospitati sulla piattaforma Blogger dalla richiesta! Ciascuno dei file prende il nome da un servizio, ciascuno contenente informazioni provenienti dai miei oltre 12 anni di utilizzo dei prodotti Google. Francamente, mi sono sentito a disagio nell’aprire questi file… non ero sicuro di cosa sarebbe stato incluso.

Un esempio? Google sa dove sono stato

Potrei scrivere un trattato più che un articolo per raccontare cosa Google sa dei miei ultimi dieci anni. Voglio farvi solo un esempio, che però credo sia piuttosto calzante. Google sa esattamente dove sono stato e in quale giorno nei miei ultimi 3650 giorni. Nel senso che conosce longitudine e latitudine di ognuno dei posti che ho visitato negli ultimi dieci anni della mia vita e sa a che ora ci sono passato, da quelle coordinate. Impressionante vero? Sì perché oltre agli itinerari di Maps BigG tiene in memoria anche la tua posizione, se glielo consenti. Io però l’ho consentito solo tra il 2011 e il 2015, periodo in cui ho posseduto un dispositivo Android, quindi la maggior parte dei dati memorizzati riguarda gli itinerari di Google Maps. Durante questo periodo, Google ha eseguito il ping della mia latitudine e longitudine circa 20.000 volte. Google afferma che il suo servizio di cronologia delle posizioni aiuta a fornire consigli migliori in base a dove sei stato. Ad esempio, può fornire un percorso alternativo per il tuo tragitto giornaliero se il traffico si sta accumulando. Il servizio può essere disattivato. Per sapere che cosa sa di Google dove sei stato, utilizza lo strumento Timeline messo a disposizione da Google stesso.
(1 – continua) 
Leggi anche: Google Mobile First: cosa cambia per la visibilità online delle aziende