People

Apple: Tim Cook contro le politiche di immigrazione del presidente Trump

All’evento Iniziativa CEO di Fortune, Tim Cook ha condiviso la sua opinione su una serie di questioni controverse, tra cui immigrazione, notizie politiche e dipendenza da smartphone. Ecco alcuni punti salienti della sua conversazione con l’editore esecutivo di Fortune Adam Lashinsky. Sulle aziende che prendono posizione sulle politiche pubbliche e su altre questioni politicamente impegnate, tra cui le separazioni delle famiglie di migranti dell’amministrazione Trump al confine tra Stati Uniti e Messico, che Cook ha recentemente condannato come disumano.

Cook è un ottimo esempio di un leader che ha lavorato per usare l’influenza di Apple per difendere importanti cause sociali, come la diversità e l’uguaglianza. Il CEO di Apple, non ha paura di esprimere la sua opinione su questioni che vanno dalla riservatezza dei dati e all’immigrazione ai diritti umani e all’ambiente. Il gigante della tecnologia è disposto a prendere posizione su temi politici e di business delicati, purché siano pertinenti alle credenze e ideali fondamentali dell’azienda. “Non è abbastanza per essere una grande azienda” che semplicemente commenta i problemi dei pulsanti caldi di oggi, ha detto Cook. Invece, Cook crede che “dovremmo parlare solo quando abbiamo certe conoscenze da portare sull’argomento”.

tim-cook-immigrazione-trump

Cook contro le politiche di immigrazione Trump

Cook ha pubblicamente rimproverato la controversa politica sull’immigrazione del presidente Donald Trump che ha portato i minori a essere detenuti e separati dai loro genitori al confine tra Stati Uniti e Messico. Come molte aziende tecnologiche, Cook ha detto che Apple ha beneficiato nel corso degli anni di migliaia di immigrati che sono venuti a lavorare in azienda. Molti immigrati lavorano in Apple, tra cui oltre 300 persone protette da Deferred Action for Childhood Arrivals (DACA) e “diverse migliaia” di dipendenti con visti H1B. Troppo spesso quando si parla di immigrazione le persone tendono a concentrarsi specificamente sui “numeri”, ha detto. “Ma dietro ci sono persone vere che provano veri sentimenti”.

Leggi anche: Trump: tutto quello che c’è da sapere sull’uomo più potente del mondo

Il cinismo di Trump

Se Donald Trump ha deciso di fare un passo indietro sull’abominevole pratica di separare gli immigrati irregolari provenienti dall’America Latina dai loro figli è soltanto perché questa politica ha nauseato gli Stati Uniti. Il 55 per cento degli elettori di Trump approva questa barbarie, ma ciò significa che il 45 per cento è contrario e dunque la stragrande maggioranza degli americani condanna l’operato del presidente. Donald Trump è stato pubblicamente sconfessato da sua moglie. Sua figlia gli ha chiesto di fermarsi. Tutti gli ex presidenti degli Stati Uniti hanno manifestato il loro orrore nel vedere fino a che punto Trump ha trascinato l’America.

Gli evangelici, protestanti integralisti che hanno votato in massa per lui, hanno preso le distanza da un’infamia che nessun cristiano potrebbe approvare. I candidati repubblicani alle elezioni di novembre hanno criticato la Casa Bianca per non perdere troppi voti. Quest’uomo si è spinto troppo oltre. Non si possono prendere in ostaggio senza scandalizzare il mondo 2.300 bambini soltanto per dissuadere le famiglie dal tentativo di trovare rifugio negli Stati Uniti e costringere il congresso a finanziarie la costruzione del muro alla frontiera messicana in cambio della liberazione di bambini e neonati che piangono senza avere idea di quale sia la scommessa che il presidente ha fatto sulle loro spalle. Tutto questo va contro la dignità umana nel gesto rivoltante e intollerabile di strappare un bambino a sua madre.

Leggi anche: Apple vs Facebook: i due giganti della tecnologia sono in guerra

tim-cook-immigrazione-trump

Tim Cook e l’approccio di Apple alla privacy

Cook ha anche raddoppiato l’approccio di Apple alla privacy digitale, che è in contrasto con alcuni dei suoi concorrenti big tech come Facebook e Google, le cui attività pubblicitarie dipendono dalla raccolta di informazioni sugli utenti. Apple non ha iniziato a predicare la privacy digitale a causa di un intenso controllo dei media negli ultimi mesi, ma ha invece messo il problema in primo piano e per un po’ di tempo. Cook non ha nominato nessuna azienda in particolare, ma in precedenza ha criticato il CEO di Facebook Mark Zuckerberg e il modello di pubblicità online del gigante dei social network che è stato preso di mira negli ultimi mesi in seguito a una serie di contrattempi sulla privacy dei dati.

Cook ha detto che i dirigenti Apple hanno previsto che la creazione di profili online “dettagliati” sugli utenti “comporterebbe un danno significativo nel tempo” e che tali profili potrebbero essere “utilizzati per troppe cose nefaste”. Sebbene Apple abbia molte opinioni su argomenti caldi, Cook ha detto che la società si concentra su questioni politiche piuttosto che supportare un particolare partito o candidato politico. “Apple non dà un dollaro a nessuna campagna politica”, ha detto Cook. È particolarmente critico nei comitati di azione politica (PAC) che combinano i contributi delle campagne di numerose entità.

Leggi anche: Tim Cook: Mio nipote non deve frequentare i social network