Lifestyle

Apple vs Facebook: i due giganti della tecnologia sono in guerra

I dirigenti di Facebook e Apple hanno scambiato una “guerra di parole” questa settimana sulla sicurezza dei dati. Tim Cook attacca Mark Zuckerberg sull’onda dello scandalo di Cambridge Analytica, la società di analisi e marketing che ha violato i profili di 50 milioni di utenti del social network utilizzandoli per fini elettorali. “Io in questa situazione non ci sarei mai finito”

“Noi potremmo fare tonnellate di soldi se monetizzassimo i nostri clienti, se i nostri clienti fossero i nostri prodotti…ma abbiamo scelto di non farlo: non intendiamo trafficare nella vostra vita personale. Per noi la privacy è un diritto umano, una libertà civile”. A emettere la sentenza di condanna è l’amministratore delegato di Apple, Tim Cook, in un’intervista a Recode.

Leggi anche: Facebook, Zuckerberg dice: Pochi anni per sistemarlo ma sa cosa non funziona più?

Tim Cook attacca Mark Zuckerberg

Il modello di business di Apple è totalmente più salutare per soddisfare i clienti è differente rispetto a Facebook e Google, che raccolgono dati senza consenso. Per Cook occorre una stretta sui social media anche se è un po’ tardi. Già nel 2015 aveva denunciato come i social media “inglobano tutto quello che possono” sugli utenti “e poi cercano di monetizzare”.

“Io in questa situazione non ci sarei mai finito”, dice Cook, interpellato su cosa farebbe lui se si trovasse nella stessa posizione del fondatore del social media, Mark Zuckerberg. Il fondatore di Facebook Mark Zuckerberg ha risposto ai commenti di Cook in un’intervista con Vox:

“Sai, trovo questo argomento, che se non lo stai pagando in qualche modo non possiamo preoccuparci di te, essere estremamente disinvolto e per nulla allineato con la verità. La realtà qui è che se vuoi creare un servizio che aiuti a connettere tutti nel mondo, allora ci sono molte persone che non possono permettersi di pagare. E quindi, come con molti media, avere un modello supportato da pubblicità è l’unico modello razionale in grado di supportare la costruzione di questo servizio per raggiungere le persone, – continua- siamo esattamente nel campo delle aziende che lavorano duramente per pagare di meno e di fornire un servizio gratuito che tutti possono usare. Non penso affatto che questo significhi che non ci importa delle persone” ha detto.

Zuckerberg dice che Facebook rimane un prodotto gratuito, quindi la pubblicità è l’unico modo in cui l’azienda può fare soldi. Avere un prodotto gratuito, ha detto, rende Facebook unico. Cook in precedenza ha parlato contro Facebook il 23 marzo al China Development Forum di Pechino subito dopo la pubblicazione di notizie sulla violazione dei dati di Facebook.

“Penso che questa particolare situazione sia così terribile ed è diventata così grande che probabilmente è necessario un regolamento ben congegnato”, ha affermato Cook. “La capacità di chiunque di sapere come navigano da anni, chi sono i tuoi contatti, chi sono i loro contatti, cose che ti piacciono e che non ami e ogni dettaglio intimo della tua vita – dal mio punto di vista non dovrebbe esistere.”

Leggi anche: Jack Ma di Alibaba sfida Mark Zuckerberg a sistemare il social network

Una forza inarrestabile

È stato un anno difficile per Facebook. Il juggernaut del social networking si è trovato inghiottito da polemiche su notizie false, interferenze elettorali, violazioni della privacy e un ampio contraccolpo alla dipendenza da smartphone. Wall Street ha notato: la società ha perso quasi $ 100 miliardi di valore di mercato nelle ultime settimane.

Dietro l’anno difficile di Facebook c’è una collisione tra i valori dell’azienda, le ambizioni, il modello di business e la scala da capogiro. Mark Zuckerberg, il fondatore di Facebook, sostiene da tempo che la missione dell’azienda è quella di rendere il mondo più aperto e connesso – con l’ipotesi che un mondo più aperto e connesso sia un mondo migliore. 

Questa ipotesi è stata messa a dura prova nell’ultimo anno. Come abbiamo visto, un mondo più aperto può rendere più facile per i governi minare le rispettive elezioni da lontano; un mondo più connesso può rendere più facile diffondere l’odio e incitare alla violenza. A Zuckerberg è stato chiesto dello stato della sua compagnia, delle implicazioni della sua influenza globale e di come vede i problemi davanti a lui:

“Penso che scaveremo attraverso questo buco, ma ci vorranno alcuni anni”, ha detto Zuckerberg. “Vorrei poter risolvere tutti questi problemi in tre mesi o sei mesi, ma penso solo che la realtà è che risolvere alcune di queste domande richiederà un periodo di tempo più lungo”.

In un manifesti del 2017, Zuckerberg sosteneva che Facebook avrebbe aiutato l’umanità a compiere il suo “passo successivo” diventando “l’infrastruttura sociale” per una comunità veramente globale. Sorprendentemente, la scala di Facebook rende questa visione plausibile. Ma arriva con un lato oscuro: Facebook è diventato troppo grande per essere gestito e troppo pericoloso quando fallisce?

Leggi anche: Social network in Italia 2018: l’indagine di Blogmeter dà ragione a Facebook, Instagram in crescita