jack-ma-zuckerberg

Jack Ma di Alibaba sfida Mark Zuckerberg a sistemare il social network

Jack Ma, fondatore del colosso cinese di e-commerce Alibaba , ha sollecitato Facebook a risolvere i suoi problemi di riservatezza dei dati, un giorno prima che il fondatore del colosso dei social media, Mark Zuckerberg, dovesse apparire alle audizioni del Congresso degli Stati Uniti.

Presente al forum Boao per la conferenza annuale dell’Asia, che va dall’8 all’11 aprile, il signor Ma ha detto ai delegati che il signor Zuckerberg dovrebbe “prenderlo sul serio”. “È il momento di sistemarlo. Penso che i problemi saranno risolti “, ha detto Ma.

Le azioni di Facebook sono crollate da quando la società ha rivelato a marzo che potrebbe aver condiviso i dati personali di decine di milioni di utenti con Cambridge Analytic, una società di ricerca che ha contribuito a eleggere il presidente Donald Trump. Gli utenti arrabbiati hanno lanciato una campagna #deletefacebook e i regolatori di tutto il mondo stanno studiando il modo in cui gestiscono le informazioni personali sensibili.

Leggi anche: Mark Zuckerberg, scandalo Cambridge Analytica: “Io ancora l’uomo giusto per guidare Facebook”

Le dichiarazioni di Zuckerberg

Il Sig. Zuckerberg ha dichiarato lunedì al Congresso di essere stato “responsabile per” non aver impedito che la piattaforma dei social media venisse usata per il danno, comprese notizie false, interferenze straniere nelle elezioni e incitamento all’odio.

“Non dovremmo uccidere la compagnia a causa di questi problemi”, ha detto. “Dirò 15 anni fa, non mi sarei mai aspettato che crescesse così, tutti i problemi che non riuscivamo a capire sono venuti fuori”.

“Non abbiamo preso una visione abbastanza ampia delle nostre responsabilità e questo è stato un grosso errore”, l’agenzia di stampa Xinhua ha citato il signor Zuckerburg come detto in una testimonianza preparata dal Comitato per il commercio e l’energia della Camera degli Stati Uniti. “È stato un mio errore, e mi dispiace. Ho iniziato su Facebook, lo gestisco e sono responsabile di ciò che accade qui “, ha detto nelle osservazioni che dovrebbe presentare in un’udienza di oggi.

Leggi anche: Scandalo privacy Facebook e nuovo GDPR: le implicazioni per le aziende

Ma ha anche espresso preoccupazione per l’incombente guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina. Ha detto che i posti di lavoro americani andrebbero persi se la relazione tra i due paesi peggiorasse, invece di essere in grado di adempiere a un precedente impegno per contribuire a creare 1 milione di nuove posizioni. 

Le sue scuse sono arrivate dopo che il gigante dei social media si è trovato coinvolto in un crescente scandalo che un’azienda britannica di dati chiamata Cambridge Analytica aveva raccolto in modo improprio informazioni dettagliate su Facebook su 87 milioni di utenti, rispetto a una stima precedente di oltre 50 milioni.

“La soluzione più importante è che tu rispetti i dati, rispetti la sicurezza, rispetti la privacy”, ha affermato Ma. Ma ha anche detto che il mondo sta affrontando molte sfide da povertà, ambiente e tecnologia, rilevando che l’innovazione è l’unico modo per risolvere queste sfide e problemi. Ma ha smesso di esporre le sue opinioni in dettaglio, ma ha affermato che il social network è prezioso e che i suoi problemi potrebbero essere sorti semplicemente a causa della sua espansione fenomenale e senza precedenti.

A seguito delle massicce critiche da parte di tutto il mondo sulla perdita di dati di milioni di utenti, diversi grandi scatti come Elon Musk e Payboy avevano cancellato le loro pagine aziendali ufficiali dalla piattaforma dei social media. Dopo che la falla è emersa e Zuckerberg è uscito, ha accettato l’errore, le condivisioni di Facebook sono crollate da quando la perdita è stata segnalata a marzo. Il gigante aveva affermato di aver condiviso i dati personali di milioni di utenti con Cambridge Analytica.

Leggi anche: Facebook accesso dati: l’eco di Cambridge Analytica, forti limiti alle App e il caso Tinder

CONDIVIDI
Valentina Samà
Progettare, creare e stupire è la sua passione. Dopo il diploma di Grafico Pubblicitario e varie esperienze in Digital Marketing and Social Media Marketing, diventa content editor in Business.it. Ama l'arte e il disegno e scrivere sarà la sua nuova sfida.