attori-troppo-pagati

Attori troppo pagati 2017, la speciale classifica di Forbes

Arriva puntuale, come ogni anno, la classifica di Forbes sugli attori più pagati del mondo. Ma non si tratta della classica lista di stipendi da capogiro, bensì di quella che sottolinea quanto gli attoroni di Hollywood hanno fatto guadagnare in base al compenso ricevuto, classificandoli come “troppi pagati” se il ritorno economico non è stato quello previsto.

Le cifre guadagnate restano stellari, come i budget delle grandi produzioni, e ogni volta questa speciale lista sorprende con qualche nome del tutto inatteso.

Leggi anche: Gli attori più pagati di Hollywood: ecco la speciale classifica

Parametri

La lista degli attori “troppo pagati” del magazine finanziario più famoso del mondo si serve di parametri molto rigidi: considera solo gli ultimi tre film di ogni attore usciti prima del 2017, che devono essere stati distribuiti in almeno 2000 sale cinematografiche. Non contano ruoli da non protagonisti o la partecipazione in film di animazione. Forbes riesce poi a calcolare il valore dello stipendio in base ad un calcolo molto preciso: sottrae il costo stimato di produzione dal valore totale degli incassi, e divide il valore ottenuto per il compenso stimato degli attori. In questo modo si ottiene il totale dei dollari fatti incassare dall’attore per la sua performance.

La classifica

Al quinto posto si colloca l’attore di fama mondiale Brad Pitt, che ha notevolmente diminuito le sue partecipazioni cinematografiche negli ultimi tempi. L’ultimo film uscito nelle sale, Allied per la regia di Robert Zemeckis, ha incassato circa 119 milioni di dollari. La cifra stimata per ogni dollaro ricevuta è stato di 11,5 dollari per ogni dollaro incassato. 

Al quarto posto si piazza il bravissimo Denzel Washington, sul quale tutti puntano per ottenere una performance da premio Oscar. Ebbene, anche se i suoi film sono interpretati sempre in maniera eccellente, hanno realtà incassato meno del previsto al botteghino nonostante il plauso della critica.

Denzel Washington ha fatto guadagnare 10,4 dollari per ogni dollaro ricevuto.

Sul podio si siede Channing Tatum, giovanissimo attore già lautamente premiato in varie occasioni e presente nei maggiori blockbuster degli ultimi anni.

Si stima che abbia incassato 7,6 dollari a dollaro preso per prendere parte agli ultimi progetti, tra i quali l’ultimo film di Soderbergh, Logan Lucky, dopo i successi al botteghino di Magic Mike e Magic Mike XXL. 

Leggi anche: Top 5: i lavori umili che i VIP hanno svolto, prima di diventare famosi

Christian Bale si posiziona al secondo posto della classifica. L’uomo di successo, il trasformista, il candidato all’Oscar, vinto nel 2011 per The Fighter come Miglior Attore Non Protagonista, che si plasma sotto la guida dei registi è arrivato ad un soffio dal podio. The Promise, di cui probabilmente non conoscete l’esistenza, ha raggiunto un budget di 90 milioni di dollari, incassandone solo 10. Ha fatto incassare 6,7 dollari a dollaro ottenuto. 

Non ci crederete ma nella classifica degli attori troppo pagati del 2017 non c’è Leonardo Di Caprio e neanche Robert Downey Junior…. Al primo posto si piazza Mark Wahlberg con soli 4,4 dollari per ogni dollaro ricevuto in compenso. L’attore ha già fatto parlare di sè, raggiungendo il primo posto della classifica degli attori più pagati dell’anno lo scorso agosto. Il compenso? Circa 68 milioni di euro. I suoi film però, compreso l’attesissimo drama di Ridley Scott All the money in the world non sono andati poi così bene al botteghino, quindi senza giustificare i suoi stipendi milionari. Sta di fatto che Wahlberg, in un modo o nell’altro, sta scalando tutte le classifiche hollywoodiane. 

CONDIVIDI
Roberta Montella
Leggere le piace, scrivere ancor di più. Dopo due Università, un Master e numerose redazioni, è Content Editor di Business.it, un portale che esprime tutta la sua curiosità per i nuovi media e l’innovazione tecnologica. Adora il cinema, odia la superficialità. Usa la tastiera come tappeto magico per esplorare a fondo l’intero mondo digitale.