Aurora Station: l'hotel di lusso nello spazio a partire dal 2022

Aurora Station: dormire nello spazio sarà possibile dal 2022 con questo hotel di lusso

Un viaggio nel lusso dello spazio a bordo dell’Aurora Station. Dodici giorni che cambieranno la vita. Sedici albe in un giorno. L’esperienza della gravità zero e lo spettacolo delle aurore boreali. Sviluppato dalla società americana Orion Span, il modulo spaziale potrà ospitare sei persone alla volta – di cui 2 membri d’equipaggio – e, secondo quanto annunciato, aprirà le sue porte  nel 2022. “Il nostro obiettivo è di rendere lo spazio accessibile a tutti”, ha dichiarato Frank Bunger, il fondatore e amministratore delegato di Orion Span. “Vogliamo portare le persone nello spazio perché è l’ultima frontiera della nostra civiltà”. E ancora: “La stazione Aurora è incredibilmente versatile e ha molteplici usi oltre ad essere un Hotel nello spazioha spiegato Bunger – Offriremo voli charter spaziali alle agenzie che stanno cercando di portare persone nello spazio a una percentuale ben ridotta rispetto al costo attuale e li faremo pagare solo per quello che usano. Supporteremo la ricerca a gravità zero, così come la produzione di oggetti nello spazio. L’architettura della Stazione Spaziale Aurora è pensata in maniera modulare in modo tale da poter aggiungere facilmente nuovi elementi, consentendoci di crescere con la domanda di mercato come una città che cresce verso il cielo sulla Terra.”

Quanto durerà il viaggio nello spazio

Secondo Orion Span i servizi offerti saranno molto speciali per i viaggiatori di Aurora Station: “durante la loro permanenza sulla stazione di Aurora, i viaggiatori apprezzeranno l’ebbrezza della gravità zero e voleranno liberamente in tutta la stazione di Aurora, guarderanno l’aurora boreale attraverso le numerose finestre, sorvoleranno la loro città natale, parteciperanno a esperimenti di ricerca in orbita. I turisti spaziali potranno rimanere in contatto o parlare in diretta streaming con i loro cari a casa tramite l’accesso a Internet wireless ad alta velocità”.  Quanto durerà il viaggio nello spazio con Aurora Station? Il viaggio vero e proprio avrà una permanenza di 12 giorni sull’Aurora. La stazione di Orion Plan sarà grande 10 metri per 4 e potrà ospitare un massimo di 6 persone (4 clienti paganti e 2 membri dell’equipaggio). In orbita a circa 320 chilometri di altezza, il primo hotel spaziale completerà un giro attorno alla Terra ogni 90 minuti, il che significa che dai numerosi oblò “a bordo potranno vedere qualcosa come 16 albe e tramonti in 24 ore”.  La Stazione Aurora sorvolerà la Terra all’altezza di 200 miglia (322 km), in quella che si chiama Low Earth Orbit, o LEO. L’hotel spaziale orbiterà attorno alla Terra ogni 90 minuti, il che significa che a bordo vedranno una media di 16 albe e tramonti ogni 24 ore.

Come prenotare una notte nello spazio con Aurora Station

Come prenotare una notte nello spazio con Aurora Station? Anzitutto, gli interessati dovranno aprire il portafogli: sono circa 80.000 dollari per la prenotazione e per poi saldare i 9,5 milioni di dollari. Come riportato in questo link è disponibile già il form per la prenotazione. Altro aspetto da prendere in esame, prima di pernottare nello spazio con Aurora Station, è il corso da seguire: l’addestramento per andare nello spazio dura 24 mesi, ma Orion Span, come dice Frank Bunger, chief executive officer e fondatore di Orion Span: “ha preso quello che è storicamente un percorso di addestramento di 24 mesi per preparare i viaggiatori a visitare una stazione spaziale e lo ha semplificato, accorciandolo a tre mesi. Il nostro obiettivo è rendere lo spazio accessibile a tutti”. Così, coloro che si recheranno su Aurora Station riceveranno una certificazione Orion Span Astronaut di tre mesi (OSAC). La prima fase del programma di certificazione sarà seguita online: “rendendo più facile che mai viaggiare nello spazio” dice Orion Span. La parte successiva sarà completata di persona presso lo stabilimento di formazione di Orion Span a Houston, in Texas. La certificazione finale sarà completata su Aurora Station durante il pernottamento.

Leggi anche: Fia Smart Cities Forum Roma, tecnologia e innovazione

CONDIVIDI