Interni

In ginocchio da Salvini: il candidato sindaco si genuflette, poi il baciamano

Il candidato sindaco della Lega a Biella si avvicina a Matteo Salvini. Una volta al suo cospetto, si inginocchia e gli bacia la mano. Una sequenza immortalata in un video che sta facendo il giro dei social in queste ore e che ha già scatenato polemiche a non finire. Protagonista lui, Claudio Corradino, aspirante primo cittadino che lo scorso sabato 27 aprile ha incontrato il leader del Carroccio nella piazza centrale della città piemontese, dove il prossimo 26 maggio si terranno le elezioni amministrative.

Ad aprire il comizio c’era appunto il ministro dell’Interno, già finito nell’occhio del ciclone per un baciamano ricevuto ad Afragola, nel napoletano, da parte di un sostenitore. Ora a genuflettersi davanti al vicepremier è stato un esponente della politica scelto personalmente dallo stesso Salvini per correre nelle comunali a Biella, in una sequenza ripresa dalle telecamere di Rete Biella Tv.
Corradino, sindaco di Cossato, ha poi spiega che il gesto era per chiedere perdono al ministro, di fede calcistica milanista, per il fatto che lui, invece, è interista. “Era uno scherzo, come hanno potuto ben vedere le 4 mila persone presenti, poi l’episodio è stato strumentalizzato da sinistra e M5S” ha spiegato sulle pagine del Corriere della Sera.
“Semplicemente, quando ho confessato la mia fede interista ad un grande tifoso milanista come Salvini, il ministro ha detto ‘bene, allora me ne vado’… Così per trattenerlo ho fatto quel siparietto. Era palesemente una battuta, anche perché io non mi genufletto davanti a nessuno”.

E alla fine Salvini scelse CasaPound per il suo nuovo libro-intervista