People

Beach&Love 2018, intervista a Walter Bartolomei, CEO dell’Azienda Agricola Ciù Ciù

L’azienda agricola Ciù Ciù dei fratelli Bartolomei affonda le sue radici nell’epoca della mezzadria, ben lontana dal metodo e dalle tecnologie moderne. Ma con l’esperienza di famiglia e la lungimiranza degli innovatori, il marchio ha superato le aspettative, esportando i suoi prodotti nel mondo. A business.it Walter Bartolomei parla di come tutto è iniziato, come si è evoluta l’azienda  e cosa significa essere partner del Beach&Love 2018, che si terrà il prossimo 19 luglio a Civitanova Marche.

1) Ci racconti del suo percorso accademico e professionale: come è diventato imprenditore?

Nel cuore di Offida, paesino del Piceno che si espande a metà tra la costa e la montagna, nasce un vino autentico, fatto di sapori pregiati e da un olio di qualità. Il territorio è ciò che rappresenta il vero punto di riferimento dell’intera produzione, che è parte della storia della nostra azienda. Insieme a mio fratello Massimiliano, sono cresciuto con il nome Ciù Ciù riferito ai nostri nonni, che hanno saputo accrescere in noi quell’appartenenza alla campagna, utilissima per comprendere il settore, ma anche per andare avanti, credendo nelle nuove tecnologie e nell’innovazione applicate alla tradizione. Così ci siamo internazionalizzati, esportando il nostro vino in numerosi paesi europei, oltre che Usa, Canada, Giappone e Cina.

bartolomei-ciù-ciù

Leggi anche: Beach&Love 2018: intervista a Salvatore Russo, direttore creativo dell’evento

2) Quali sono le tre parole che definiscono il suo lavoro?

Qualità, prezzo e certificazione biologica. Possediamo circa 180 ettari che regalano vini rossi e bianchi con la certificazione bio, che possediamo fin dal 1996. Siamo stati, infatti, tra i primi in Italia a ricevere questa ambita certificazione, pur riuscendo a mantenere un costo accessibile per il cliente. Il nostro è un vino di qualità, biologico alla portata di tutti.

3) Darebbe qualche suggerimento a chi desidera intraprendere la sua professione? Quali sono i consigli più importanti per fare business nella sua attività?

L’unico consiglio davvero importante che mi sento di offrire a che vuole intraprendere un business nel settore agricolo è quello di avere pazienza. Si possono avere soldi per fare cospicui investimenti, comprare terreni e macchinari altamente tecnologici. Ma per chi non è cresciuto in campagna il tempo, l’attesa, la pazienza sono le vere risorse che fanno la differenza. Il vero successo si ottiene solo grazie a continuità e costanza, così si impara a conoscere la stagionalità e ad agire di conseguenza.

4) Può darci qualche anticipazione sui progetti futuri della sua azienda?

I nostri progetti futuri sono volti a ricreare nel nostro territorio la vera campagna agricola storica, ancor prima dell’avvento della mezzadria. Questo progetto intende infatti sfruttare il territorio, dove la campagna era collegata al centro storico del paese poiché le varie fasi della produzione avvenivano prima nei locali della campagna, poi nei palazzi storici in grotte e cantine allestite sotto le abitazioni. Per promuovere il territorio e sfruttare il turismo, abbiamo quindi deciso di mostrare al pubblico come avveniva il percorso della vinificazione prima del boom degli anni ’60. Si tratta quindi di un percorso volto a promuovere sia il territorio (attraverso la ristrutturazione di cantine storiche e grotte antiche nel centro storico) sia il brand della nostra azienda. Tutto questo con uno sguardo teso all’innovazione e a strumenti che possano intervenire in contesti nuovi e innovativi.

Leggi anche: Beach&Love 2018: dove, quando e come iscriversi all’evento

beach&love-2018-evento-estate

5) Oggigiorno siamo sempre collegati online: diventa quindi fondamentale avere momenti di networking offline!
Quanto è importante la partecipazione ad eventi come il Beach&Love?

Come si inserisce la realtà di Ciù Ciù all’interno dell’evento?

Partecipiamo con piacere ed entusiasmo ad eventi come il Beach&Love. Siamo Partner di supporto al settore di riferimento del Festival, e speriamo di poter collaborare presentando strumenti tecnologici come ad esempio il progetto #CiùCiùDigital, un’App di Ciù Ciù, che, tra l’altro,  può interagire con i clienti e indicare, in ogni parte del mondo, dove si trova un rivenditore di vini del nostro marchio. La nostra attività può quindi trarne beneficio, così come i nostri clienti. Infine, eventi come il Beach&Love offrono la possibilità di restare aggiornati e poter conoscere chi sta dietro le idee più innovative.