Interni

Berlusconi ricoverato a Milano. Ed è giallo sul suo successore alla guida di Forza Italia

Silvio Berlusconi è ricoverato da qualche ora all’ospedale San Raffaele di Milano, ufficialmente per dei controlli post Covid. L’ex premier, che compirà 85 anni il 29 settembre, era stato ricoverato dal 6 aprile al 1 maggio ed era poi tornato nella struttura a metà maggio per degli accertamenti, onde evitare che l’infezione potesse lasciargli pericolosi strascichi. Una notizia accompagnata da un piccolo giallo sul successore politico del Cavaliere.

Berlusconi ricoverato a Milano. Ed è giallo sul suo successore alla guida di Forza Italia

Da Forza Italia nessuna comunicazione ufficiale o quasi. Lo staff dell’ex premier si è limitato a far sapere che “il ricovero si è reso necessario per una valutazione clinica approfondita”, circostanza poi confermata anche dal numero due del partito azzurro Antonio Tajani: “Berlusconi è stato ricoverato al San Raffaele per dei controlli approfonditi come già accaduto in passato, quindi i medici hanno ritenuto di visitarlo e credo starà lì per qualche giorno”.

Berlusconi aveva spiegato, nei giorni scorsi, di aver avuto un recupero molto lento dal Covid: “Sto gradualmente migliorando. I miei medici mi hanno finalmente autorizzato a riprendere un minimo di attività, pur senza ancora uscire di casa. La prima cosa che voglio dire a voi e a tutti gli italiani è un grazie dal profondo del cuore per l’attenzione e la partecipazione che ho avvertito intorno a me in questi mesi difficili”.

Berlusconi aveva ospitato nei giorni scorsi in Sardegna il presidente del Coni Giovanni Malagò, con Repubblica che aveva lanciato subito lo scoop: “Gli ha proposto la guida di Forza Italia”. Circostanza oggi smentita dal partito in una nota: “Le notizie diffuse dal quotidiano La Repubblica in merito a Forza Italia sono destituite di ogni fondamento”. Altre voci parlavano della candidatura di Casini come successore di Berlusconi.

Ti potrebbe interessare anche: Musica alta a tarda notte, ex assessore scende distrugge lo stereo: “Questa non è una discoteca”