Interni

Berlusconi si è convinto: “Ho 5 buoni motivi per mollare Salvini”

Silvio Berlusconi prende ancora le distanze da Matteo Salvini, convinto che allontanarsi dalla Lega e dalla sua opposizione irresponsabile sia l’unico modo per garantire la sopravvivenza di Forza Italia. Arrivando a elencare addirittura i punti, cinque, che rendono necessario uno smarcamento dall’asse sovranista Lega-Fdi. A rivelarlo è l’Huffington Post secondo il quale durante un collegamento via Zoom dalla villa francese della famiglia Marina, il Cavaliere avrebbe snocciolato ai big del partito azzurro i suoi perché, non pochi.

Di fronte ai volti, in collegamento virtuale, di Antonio Tajani, Anna Maria Bernini, Mariastella Gelmini, Iole Santelli, Licia Ronzulli, Niccolò Ghedini e Gianni Letta, Berlusconi ha così focalizzato l’attenzione sui motivi d’attrito col Carroccio. A partire dalla Campania, dove Salvini ha bocciato la scelta del candidato forzista Stefano Caldoro. Una sfida diretta all’ex premier che, nella Regione, sente invece il diritto di fare la voce grossa. Secondo punto, gli affondi di questi ultimi giorni, che hanno visto il Capitano paragonare perfidamente Berlusconi a Renzi.
Berlusconi sente inoltre il bisogno di tutelare i propri interessi, secondo l’Huffington Post. Ovvero quelle reti Mediaset che, in caso di scontro costante con l’esecutivo, potrebbero anche andarci pericolosamente di mezzo. Il Cavaliere vorrebbe una mano dal governo anche per far fronte ai cali delle entrate pubblicitarie: tutti passaggi che richiedono però uno spirito di collaborazione che Salvini gli impedirebbe. E poi la questione di stile: Berlusconi è allergico a quella rabbia di piazza, quella folla urlante e a volte spaventosa di cui il Capitano, invece, si circonda più che volentieri.Infine la legge elettorale: il Pd ha aperto il dialogo con Forza Italia per un ritorno al proporzionale e Berlusconi non vuole perdere l’occasione di collaborare attivamente per il passaggio a un sistema che, tra l’altro, potrebbe punire duramente proprio gli estremisti come Lega e Fratelli d’Italia a vantaggio della formazione di maggioranze composte da partiti moderati. Meglio agire per tempo e farsi trovare, quando sarà il momento, dalla parte giusta.

GTCM truffa? Leggi la recensione prima di cominciare