Interni

Bibbiano, ancora strumentalizzazioni: Fratelli d’Italia appende uno striscione

Ancora polemiche intorno alla vicenda di Bibbiano e degli abusi sui bambini strappati alle loro famiglie. Alcuni attivisti di Fratelli d’Italia hanno infatti appeso lo striscione con la scritta “Parlateci di Bibbiano” su una delle facciate del Tunnel della Vittoria, lato via Acton, a Napoli. Nella scritta le lettere P e D sono evidenziate, a indicare il collegamento dell’inchiesta “Angeli e Demoni” con il Partito Democratico”.

Il sindaco Andrea Carletta, del Pd è indagato per concorso in abuso d’ufficio e falso, perché avrebbe favorito il centro studi Hansel e Gretel non avviando la procedura di evidenza pubblica per l’affidamento del servizio di psicoterapia ma, come sottolineato dal procuratore di Reggio, Marco Mescolini, “non è coinvolto nei crimini contro i minori”. 
L’ennesimo tentativo di far entrare la politica nella vicenda, però, non è piaciuto soprattutto allo stesso Partito Democratico, che ha subito chiesto la rimozione. “Quando una certa parte politica come il Pd, che in quei territori ha ruoli istituzionali importanti da sempre – si legge in una nota di Fratelli d’Italia – si piega a modelli culturali e valoriali antiteci alla famiglia naturale, il risultato è che si aprono crepe pericolose nel tessuto sociale ed in queste crepe germogliano fatti gravissimi che l’inchiesta Angeli e Demoni sta facendo emergere”.Il responsabile del Mezzogiorno de Partito Democratico, Nicola Oddati, ha risposto su Twitter annunciando azioni legali in seguito all’affissione dello striscione sulla facciata della Tunnel della Vittoria dagli attivisti di Fratelli d’Italia. “Questa mattina a Napoli – si legge nel tweet – è stato appeso uno striscione che accomuna il Pd a Bibbiano. È chiaro che è il frutto della campagna di odio della Lega e dei 5 stelle. Sono miserabili, sciacalli. Strumentalizzano i bambini per diffamare il Pd. Saranno travolti dal loro stesso odio”.

Dall’amore all’odio, i No-Tav attaccano i “traditori” del M5S: “Tengono solo alla poltrona”