People

Bill Gates spiazza tutti e lancia l’appello: “Sono troppo ricco, vorrei pagare più tasse”

Bill Gates è uno di quei rari casi in cui la ricchezza economica è anche accompagnata da una ricchezza d’animo. È sempre in prima linea per la beneficenza e per la ricerca, e da sempre si “lamenta” perché è troppo ricco. Non è un dettaglio di poco conto. L’aveva fatto all’inizio dello scorso anno, è tornato a scriverlo alla vigilia di questo 2020. La seconda persona più ricca al mondo – con un patrimonio netto di 108,8 miliardi di dollari – è tornata a riflettere sull’ineguaglianza economica e lancia un insolito appello: Bill Gates ritiene che, data la sua enorme ricchezza, dovrebbe pagare più tasse, per il bene di tutti. “La discrepanza che esiste negli Stati Uniti tra i redditi più alti e quelli più bassi è molto più alta di quanto lo fosse 50 anni fa”, ha scritto il fondatore di Microsoft in un post pubblicato sul blog dal titolo “La disuguaglianza economica nel prossimo decennio. Cosa sto pensando alla vigilia del nuovo anno”.

Bill Gates traduce in parole – ma sul sito Goalkeepers della Fondazione aperta con la moglie l’aveva fatto anche con grafici – quanto sancito dai calcoli del Censo americano, in particolare all’indice Gini come spiega Lapresse, il gap tra ricchi e poveri negli Stati Uniti è al massimo degli ultimi decenni. Il miliardario ha considerato così doverosa una riflessione, tra l’altro molto attuale, se si considera la crociata che la candidata democratica alle elezioni presidenziali Elisabeth Warren ha lanciato contro i ricconi made in Usa, con tanto di calcolatore di tasse per miliardari (dotato di un bottone speciale per Gates e i suoi compagni di club, da Zuckerberg a Bezos).

Con queste sue riflessioni, prosegue Lapresse, Bill Gates si conferma una sorta di mosca bianca: “Alcune persone finiscono per fare grandi affari. Io, per esempio, sono stato ricompensato per il lavoro che ho fatto in modo sproporzionato, mentre ci sono tanti che lavorano duramente allo stesso modo e che fanno fatica ad andare avanti”. La soluzione è fiscale. “Sono a favore di un sistema in cui, se si hanno più soldi, è necessario pagare una percentuale più alta di tasse. Credo che i ricchi dovrebbero pagare più di quanto paghino oggi, inclusi me e Melinda”.

“Ci dovrebbe essere una tassa sul guadagni in conto capitale (plusvalenze) – ovvero una tassa sui soldi accumulati facendo investimenti – che dovrebbero colpire i più ricchi, anche perché nessuna delle persone più ricche al mondo ha fatto una fortuna soltanto con il proprio stipendio». L’idea suggerita da Gates al governo americano è dunque di «trasferire il carico fiscale più sul capitale che non sul lavoro”. Le parole si Bill Gates sono encomiabili e suonano come pronunciate da un alieno.

 

Ti potrebbe interessare anche: Salvini difende Trump, ma stavolta anche i leghisti gli si scagliano contro