Social

Biagio Antonacci sposa due suoi amici gay: il cantante viene massacrato sui social

Biagio Antonacci in veste di cerimoniere ha celebrato il matrimonio di due suoi cari amici a Bologna. “Oggi ho unito civilmente due miei cari amici, Davide e Mataro. A loro auguro tutto il mio bene!”. È questo il messaggio che accompagna il video di un matrimonio postato da Biagio Antonacci sui social. Il cantante, il 3 marzo 2019, ha voluto così condividere un momento di gioia della sua vita.

Il filmato – in cui appare Antonacci al Comune di Bologna in veste di officiante – ha fatto il giro del web: quasi centomila le visualizzazioni su Instagram e più di mille i commenti. A leggerli tutti, però, c’è da mettersi le mani tra i capelli: il bigottismo più virulento ha invaso la pagina del cantante, con commenti dal tono apocalittico.

I commenti sono riportati così come sono scritti, errori di grammatica compresi: “Per me questo non è matrimonio. Mi dispiace ma Dio creò l’uomo è la donna per stare insieme e creare una famiglia. Due uomini ho due donne che famiglia possono creare ?”; “Dio lo creò maschio e femmina per amarsi e moltiplicarsi, questa è la verità che poi ognuno in questa vita può fare ciò che vuole Ok ma non fate passare per normalità tutto ciò perché non è così e io non mi sento né bigotta né di antica mentalità però deve esserci un limite morale, etico da non superare perché un giorno renderemo conto a Dio”.

E ancora: “Evviva la famiglia tradizionale Cristiana, cattolica . Caro Biagio non condivido ciò che hai fatto , ora gli manca l’affido di un figlio e siamo apposto ,accontentati tutti i buonisti sinistroidi e cattocomunisti”;
“Pezzo di cretino, non lo vuole Dio. Il fuoco scenderà dal cielo”.

“Ma che schifo, e Antonacci che si presta a queste stronzate , ancora più ridicolo …ma canta, va’…”. E così via dicendo. Per fortuna, Biagio Antonacci si è rivelato una persona di classe e ha risposto così: “Certe persone sono spente. Purtroppo resteranno tali”. Nella giornata precedente, invece, il cantante aveva inaugurato dodici carrozzine e quattro poltrone comfort all’Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna.

Presenti al taglio del nastro il direttore generale Mario Cavalli e il presidente di Ansabbio Onlus, Dario Cirrone. Dal 1995 personaggi del mondo dello spettacolo e dello sport diventano ‘dottori Speciali’ per un giorno, dispensando sorrisi e affetto ai loro fan. Bravo Biagio!

 

Ti potrebbe interessare anche: Fiorella Mannoia, duro attacco a Salvini: “È il ministro della paura. Alimenta odio”