People

Taglio dei parlamentari, la voce fuori dal coro di Emma Bonino: “Proposta demagogica”

La commissione Affari costituzionali della Camera dei Deputati ha approvato la riforma costituzionale per il taglio dei parlamentari, una delle proposte principali del programma del governo M5S-Pd, fortemente voluta dai pentastellati. Si avvicina dunque la riduzione del numero dei membri di Camera e Senato, ma Emma Bonino fa la voce fuori dal coro: “Penso che sia un’iniziativa assolutamente demagogica, giustificata con più efficienza e risparmio”.

“Ma vi dico solo che il risparmio sarebbe pari al bilancio della città di Viterbo, tanto per farvi capire quanto sia minimo!”. Questo le parole ai microfoni di TPI della senatrice di +Europa, Emma Bonino, nei confronti del dl sul taglio dei parlamentari.

“È anticostituzionale – continua Bonino – sono stati i padri costituenti a inserire un certo numero, così da essere proporzionale ai cittadini. Fissarono a mille non a caso, ma in rapporto alla popolazione”. Secondo la ex radicale, il rischio è anche di “rappresentatività”, ovvero con il taglio le città più piccole rischiano di non vedere un politico eletto in Parlamento.

La senatrice se la prende anche con il Partito Democratico: “Vedo questa iniziativa come puramente anti-parlamentare e fa specie che il Pd, dopo essersi battuto a lungo contro la proposta, adesso si accodi e la accetti”. A favore del taglio del numero di deputati e senatori hanno votato, a quanto si apprende, i partiti della maggioranza.

Ad essere contrari, oltre a +Europa, anche Forza Italia. Il testo è atteso in Aula il 7 ottobre. Con l’approvazione alla Camera del taglio, dalla prossima legislatura in Parlamento siederanno meno eletti. Il numero dei deputati scenderà da 630 a 400. Quello dei senatori invece da 315 a 200. Avremo il 36,5 per cento in meno degli attuali componenti elettivi: 230 deputati e 115 senatori in meno.

Le norme non sono applicabili in caso di scioglimento delle Camere prima che siano decorsi 60 giorni dall’entrata in vigore della legge.

 

Ti potrebbe interessare anche: Taglio dei parlamentari, il 7 ottobre l’ultima lettura in Aula