Lavoro

Mondo business: la comunicazione efficace per l’internazionalizzazione

Quali sono le regole per una buona comunicazione? Se lo chiedono gli esperti e meno esperti di ogni settore, in particolare coloro che devono fare business.
É già difficile farlo a casa propria, prendendo in attento esame le regole del paese in cui viviamo. Ma se esiste l’ambizione di esportare il business in un paese differente, quali passi occorre seguire al fine di creare un contesto per rendere proficui gli affari internazionali?

Leggi anche: Le migliori strategie di growth hacking per il tuo business

Enti per lo sviluppo dell’internazionalizzazione

Innanzitutto espandere il proprio business fuori dai confini nazionali può rappresentare un’ottima fonte di guadagni e una grande opportunità per espandere conoscenze e know how, oltre all’acquisizione di un bagaglio culturale che permette di allargare il proprio punto di vista.

10-idee-business-parti-time

Ma non sempre cercare di esportare il proprio business è semplice ed efficace: le differenze culturali, le tradizioni, il modo di interagire nel settore imprenditoriale può fare da ostacolo più che da collante.

Esistono associazioni, enti governativi e non, che supportano le aziende nel momento in cui vogliono compiere il salto verso un altro paese.

Ad esempio: Sace, che da quarant’anni è al servizio del Sistema Paese, è in grado di offrire una completa gamma di servizi assicurativi e finanziari, rappresentando un Polo di competenze integrate per accompagnare le imprese italiane che desiderano svilupparsi a livello internazionale.

Poi c’è l’Ice, l’Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese, che da qualche tempo è andato a sostituire l’istituto nazionale per il commercio estero.

Questi enti ed altri possono dare informazioni utili, contatti e ricerche di mercato nel paese in cui si vorrebbe espandere l’azienda.

business-cluster

Leggi anche: Il business di avviare un’impresa con il coniuge, vantaggi e svantaggi

Regole comportamentali

Bisognerebbe infatti sapere che fin dal saluto ci sono differenze importanti: mentre la stretta di mano, da noi come in America è apprezzata ancor di più se forte e vigorosa, in Inghilterra va bene anche più leggera e data a distanza.

Nel sud America invece, paesi come il Brasile affermano la loro calorosità tant’è che viene apprezzato un saluto con due baci sulla guancia, soprattutto tra le donne.

Anche il dress code è estremamente importante: nei paesi come la Russia, per incontri di lavoro o riunioni formali è previsto sia per uomini sia per donne un abbigliamento che privilegi colori scuri, nonostante il casual sia entrato ormai ovunque.

Non solo come ci veste: possono nascere incomprensioni anche da un gesto. La cultura mediterranea si esprime attraverso movimenti di mani e bracci durante un discorso, cosa ritenuta maleducata dai paesi nordeuropei.

Perfino il momento del pranzo di lavoro è ritenuto importante e diverso a seconda delle varie culture di riferimento. Lavare le mani, consumare alcool e fare attenzione a ciò che si ordina è differente a seconda delle tradizioni di ogni paese.

Insomma paese che vai, usanze che trovi. Esportare il business in un’altra nazione è una cosa seria, occorre dunque studiare e non farsi trovare impreparati se si desidera chiudere l’affare.