Lifestyle

Business: vita difficile per i rivenditori britannici

La rivoluzione tecnologica ha già colpito il lavoro nel manifatturiero, si appresta a farlo nel mondo delle banche e nei servizi avanzati. Potrà risparmiare il mondo del retail, cioè nei negozi e supermercati? In molti pensano di no. L’innovazione è inarrestabile e sta accelerando. Amazon e vari siti di e-commerce e le vendite online stanno uccidendo il retail tradizionale, e quello che è vero lì, sta per diventare vero attraverso tutta la nostra economia.  La tecnologia, mette a rischio il lavoro. L’ e-commerce sta registrando un costante trend di crescita, con oltre 20 miliardi di euro fatturati. Questo sembra stia penalizzando e preoccupando i retailer fisici.

L’abbondanza di informazioni e la disponibilità di offerte tende a favorire il consumatore spesso a discapito del commerciante, sempre più soggetto alla pressione del prezzo e della facile comparazione con l’offerta online oltre che della rilevanza che stanno assumendo le recensioni e la puntualità delle risposte alle domande fatte online. Di fronte a questo scenario è evidente quanto occorra per ciascuna impresa non tralasciare una visione strategica dell’uso di Internet, un approccio che sappia non disinteressarsi in modo superficiale nè, d’altro canto, farsi usare dal digitale, ma usarlo in modo strategico e quindi opportunistico e tattico insieme. A risentire tutto questo sono i rivenditori britannici che non riescono a sbarcare il lunario.

rivenditori-britannici-crisiLeggi anche: Intelligenza artificiale: la tecnologia dell’anno per le grandi aziende

Sei ragioni per cui i rivenditori britannici non riescono a sbarcare il lunario

 

Concorrenti online

Internet ha recuperato circa un quinto di tutta la spesa al dettaglio, con le vendite non alimentari online in aumento del 7,5% nell’ultimo anno. Ora gli smartphone sono onnipresenti, è possibile acquistare direttamente dallo smartphone qualsiasi cosa si voglia: un divano sul bus, una borsa griffata dal divano o una nuova cucina a letto. Internet ha reso la vita difficile per i rivenditori in vari modi. Oltre a dirottare direttamente le vendite, ha dato ai clienti meno motivi per visitare la loro strada principale, High Street, riducendo le possibilità dei piccoli commercianti di attirare il commercio in transito, mentre i costi e la complessità della costruzione dell’infrastruttura per consegnare merci alle case in modo efficiente hanno avuto profitti. Mentre i rivenditori tradizionali si sforzano di adattarsi, vengono sollecitati da specialisti online come Asos, Amazon e Boohoo.com, non ostacolati da una lunga coda di negozi obsoleti. La facilità di confrontare i prezzi e l’accesso alle merci da tutto il mondo ha dato più opzioni a quelli che vivono nelle piccole città e che non sono più limitati allo shopping locale, rendendo la competizione più dura che mai.

Aumento dei costi

Mentre i rivenditori tradizionali cercano di far fronte al passaggio agli acquisti online, vengono colpiti da una tempesta di altri aumenti di costo. La caduta del valore della sterlina dopo il voto sulla Brexit ha spinto al rialzo il costo di approvvigionamento di beni all’estero. L’imminente uscita dall’UE e il minor valore della sterlina hanno anche agito per far salire i salari in alcune aree, poiché è stato più difficile trovare lavoratori qualificati che tradizionalmente provengono dall’Europa continentale. Mentre alcune aziende hanno visto un taglio, e molti piccoli negozi sono stati protetti, quelli nel sud, in particolare a Londra, hanno visto aumenti significativi dei tassi. 

Leggi anche: Brexit accordo UE: cambiano i diritti dei cittadini e il Business degli affari

Affaticamento dei consumi

I giovani ora hanno maggiori probabilità di essere affittuari piuttosto che compratori, il che significa che non hanno il desiderio di riempire un cassetto in basso con i beni per la casa che potrebbero dover trascinare tra le offerte a breve termine. I dati di Barclaycard per l’anno scorso rivelano un aumento del 10% della spesa per l’intrattenimento e un aumento dell’11,4% nella spesa per le telecomunicazioni, che ovviamente non include tutti i debiti diretti che pagano per contratti telefonici a lungo termine. La spesa per l’intrattenimento, i pub e i ristoranti è aumentata in percentuali a due cifre lo scorso anno, secondo Barclaycard, ma la spesa per l’abbigliamento femminile è diminuita. Gli ultimi dati di Visa indicano che la spesa per beni di consumo e abbigliamento continua a diminuire, mentre ristoranti, alberghi, pub e bar sono ancora in crescita.

Declino di strada 

I rivenditori al dettaglio stanno chiudendo i negozi a un ritmo più veloce rispetto a durante la recessione, ma nonostante le questioni sottostanti siano state ben ripensate, non è emerso alcun piano coerente per affrontare il declino della grande strada. Se gli acquirenti hanno abbandonato una strada principale ei negozi sono sempre più costosi da gestire, come si può prevedere che i rivenditori rimangano?

Cattiva gestione

I dirigenti del commercio al dettaglio hanno molte scuse in campo – che vanno dal tempo al declino del traffico e all’aumento di Internet – per le vendite in calo, ma nessuno ammette di mancare di capacità e visione. Ci sono chiari esempi di cattiva gestione che accrescono la pressione creata dal cambiamento strutturale che colpisce la strada principale: Homebase, che impiega più di 11.000 persone, è stata venduta per appena 1 sterlina dopo i suoi nuovi proprietari australiani, Wesfarmers, prese decisioni terribili che trasformarono un’attività redditizia in un enorme produttore di perdite.

Spesa spremuta

I consumatori sono appena sfuggiti a un lungo periodo di calo del reddito reale e le cicatrici stanno diventando visibili sulla strada principale. L’anno scorso l’inflazione è salita al 3%, mentre i salari sono rimasti bloccati tra il 2% e il 2,5%. Secondo gli esperti retribuiti, la maggior parte degli accordi di contrattazione degli stipendi firmati lo scorso anno erano più vicini al 2%. Ciò ha comportato un calo significativo degli utili aggiustati per l’inflazione e ha ridotto i redditi disponibili della maggior parte degli acquirenti. Tuttavia, l’incertezza sulla Brexit – e la trasformazione della vita lavorativa in seguito all’aumento del lavoro autonomo, dei lavori part-time e dei contratti a zero ore – ha più che compensato la pressione derivante dall’aumento dei tassi di posti vacanti per far cadere i redditi delle famiglie. Anche la mancanza di investimenti da parte delle imprese britanniche ha fatto la sua parte, mantenendo bassa la produttività e il salario.

Leggi anche: Inghilterra dopo Brexit: la nota negativa dell’economia