People

Zanda propone aumento stipendi politici, Cacciari sbrocca

Massimo Cacciari in grande spolvero si scaglia contro Zanda del Pd e anche contro Il Fatto quotidiano che lo intervista. Gli chiedono: “Professore Massimo Cacciari, ha letto del senatore Luigi Zanda?”. Il riferimento è al nuovo tesoriere del Pd che poco prima di ricevere l’incarico dal segretario Nicola Zingaretti ha presentato una proposta di legge per equiparare gli stipendi dei parlamentari italiani a quelli, più abbondanti, dei parlamentari europei.

Cacciari ha commentato: “Una follia, non ho altro da aggiungere. Una forza politica, che dovrebbe fare opposizione, si mette a discutere di temi assurdi? Temi che fanno infuriare i cittadini, temi clandestini nel Parlamento di Luigi Di Maio e Matteo Salvini. Come farsi male da soli: un manuale scritto da Zanda”.

E poi ai giornalisti del Fatto: “Anche voi siete colpevoli, non vi dovete nascondere. Voi del Fatto avete cavalcato la questione degli stipendi dei politici con una cretina demagogia, ma oggi, ve ne posso dare atto, il senatore vi batte con una inutile idiozia”. Zanda sostiene anche il ripristino del finanziamento pubblico ai partiti.

“Prima o poi ne dobbiamo parlare seriamente. Oggi pure questa posizione è una follia, un sintomo di un cervello in difficoltà, perché il momento politico richiede altri sforzi e altre idee. Mi scusi, poi, Zanda perché si cimenta in imprese impossibili?”.

“Cosa pensava di conquistare se non una pernacchia? Ha sortito un solo risultato: danneggiare l’immagine del Pd”. Zingaretti avrà dunque sbagliato tesoriere? Cacciari è certo: “No, l’esperto Zanda sarà bravo a far quadrare i conti, ma è meglio che lo faccia in silenzio. E comunque anche voi del Fatto affrontate l’argomento degli stipendi dei politici con tanta idiozia. Saluti”. Prendi su e porta a casa, si direbbe.

Sulla questione, comunque, è intervenuto lo stesso Zingaretti: “Abbiamo già chiarito e confermo: non c’è nessuna proposta del Pd per un aumento degli stipendi dei parlamentari. C’è una proposta di legge presentata da Luigi Zanda, che ha tutta la mia stima, prima della nomina a tesoriere e addirittura prima delle primarie. No ai polveroni”.

 

Ti potrebbe interessare anche: La legittima difesa è legge: passa il provvedimento-simbolo di Salvini