People

Il caso di Carbone: sindaco appena eletto, si è già dimesso. Cosa è successo

Fa molto discutere il caso di Carbone, piccolo Comune di meno di 600 abitanti in provincia di Potenza, dove il sindaco appena eletto, e tutti i consiglieri di maggioranza, hanno già presentato le dimissioni. Lo rende noto all’Adnkronos il sindaco uscente, ormai ex, Mario Chiorazzo. Finisce secondo le previsioni la vicenda elettorale del Comune del Parco del Pollino. Alle elezioni hanno partecipato due liste, entrambe composte da persone non residenti a Carbone o in Basilicata, bensì in Sicilia e in Puglia, che non conoscevano Carbone e che nessuno nel paese lucano sapeva chi fossero.

Al termine dello spoglio è stato proclamato sindaco Scavello con 78 voti, pari a oltre il 78%. Stamattina si è presentato al Comune con gli altri 7 consiglieri eletti per presentare le dimissioni. Quindi arriverà un commissario nominato dal Prefetto di Potenza. Erano tre le liste presentate ma era stata ricusata per un ritardo nella presentazione proprio quella con i candidati del posto mentre erano state accolte ”L’altra Italia” e ”Onesti e liberi”.

Per i Comuni con popolazione inferiore a 15000 abitanti, se è presente una sola lista, serve il quorum del 50% + 1 dei votanti. Invece con due liste non c’è il quorum, basta un solo voto valido per eleggere il sindaco. ”Avevamo un sindaco e in meno di 24 ore non ce l’abbiamo più – commenta Chiorazzo all’Adnkronos – ma ce l’aspettavamo. Ci era stato già preannunciato che in caso di elezione ci sarebbero state le dimissioni”.

”È un fatto grave – dice l’ex sindaco all’Adnkronos in maniera netta – presentare delle liste se non c’è una volontà di amministrare. La presentazione di liste in piccoli Comuni sotto i mille abitanti da parte di liste di persone che non appartengono al territorio non è un fatto nuovo, in genere passa inosservata perché ci sono i candidati del posto ma questa volta è andata diversamente e forse è la prima volta che ciò accade in Italia. È legittimo che si presentino delle liste, purché ci sia una reale volontà di amministrare”.

Business.it by Adnkronos

Ti potrebbe interessare anche: Regionali in Valle d’Aosta: ha vinto la Lega, ma a governare potrebbe essere il Pd