Interni

Carola in tv, l’odio dei leghisti: “Una pregiudicata da quel verme di Fazio”

Carola Rackete è tornata in Italia, ospite prima di un evento a Milano e poi di Fabio Fazio, che ha scelto di invitarla in tv a Che Tempo che Fa per parlare dell’emergenza migranti, del suo lavoro nel Mediterraneo a bordo della Sea Watch 3 e delle polemiche che l’hanno interessata di recente contrapponendola al leader della Lega Salvini. “Come cittadina europea sono cresciuta con la fiducia in questi paesi. Rispetto al 2016 la situazione è cambiata parecchio. Spesso oggi viene violata la legge internazionale.  Dalla Libia la gente scappa e la guardia costiera libica che ci dice di portare i migranti in Libia viola la Convenzione di Ginevra. Io ho un passaporto tedesco e posso andare dove voglio. Chi non ha un passaporto come il mio non lo può fare”.

La Rackete ha poi spiegato: “Sulla nave non abbiamo numeri, ma esseri umani. L’Europa è un continente in pace e non vuole ospitare i migranti. Dov’è finita la nostra umanità?”. L’apparizione di Carola in tv ha però diviso gli utenti. La maggior parte, a dire la verità, ha inondato il web di messaggi di complimenti alla capitana della Sea Watch 3 e di condivisione dei suoi messaggi. I fedelissimi di Salvini, però, non hanno perso occasione per scatenare tutto il loro odio contro l’ennesimo nemico dato loro in pasto dalla macchina della propaganda leghista, ultimo di una lunga serie.
Ecco, allora, subito spuntare messaggi di insulti alla Rackete da parte degli eleganti salviniani. Riproponiamo soltanto una lista dei più “edulcorati”, ignorando i più beceri: “In questo momento il verme #Fazio sta leccando il culo alla pregiudicata #CarolaRackete, e io pago? E io pago? #chetempochefa #23novembre #BoicottaFazio”. E ancora: “Una che per far entrare dei clandestini quasi affonda una motovedetta della guardia costiera italiana che viene trattata come una star sulla TV nazionale, solo nel paese di pulcinella accadono certe cose”.Carola nella migliore delle ipotesi viene additata come criminale, nella peggiore ricoperta dei soliti insulti sessisti sfoderati puntualmente quando di mezzo c’è una donna. Fabio Fazio, di contro, a certi epiteti dovrebbe essere ormai abituato, visto che è da quando Salvini lo ha messo nel mirino per il suo contratto che il presentatore viene insultato regolarmente dai leghisti.
Minacce di morte a Ilaria Cucchi: “Prima o poi ti tocca una pallottola in testa”