Tech

Carta di credito con antenna cellulare all'interno

La tua carta di credito sta per diventare molto più intelligente. Dynamics Inc. e Sprint hanno annunciato al CES 2018 una carta di pagamento riprogrammabile che può essere utilizzata per diversi account: debito, credito, fedeltà e qualsiasi altra transazione che utilizza una banda magnetica. Ma questa carta ha un’innovazione in più: è una delle prime carte con un chip cellulare all’interno e arriva alle banche degli Stati Uniti. 

L’idea di una carta di credito riprogrammabile non è poi così spettacolare o nuova. Ma questa carta potrebbe essere diversa perché il suo creatore, Dynamics Inc., sta già lavorando con le banche di tutto il mondo usando tecnologie simili. Si chiama tecnicamente Wallet Card, ma quando verrà finalmente rilasciata ai consumatori, verrà probabilmente chiamata qualunque cosa decida la banca o l’emittente. L’antenna del cellulare nella scheda consente di comunicare direttamente con la banca. 

carta-di-credito-con-antenna-cellulare
Leggi anche:Tutto quello che vedremo al Ces 2018: Las Vegas apre le porte alla tecnologia

Questo può tornare utile per cose come ottenere una carta sostituita, inviare offerte speciali direttamente alla carta, scaricare le informazioni di sicurezza di una nuova carta o bloccare un account in caso di emergenza.

Il prototipo era estremamente facile da usare. Ha una piccola lettura e-ink sul davanti e due pulsanti cliccabili. Basta scorrere le varie opzioni, facendo clic sui pulsanti. Un’altra caratteristica interessante: la carta Wallet non esaurisce mai la batteria a causa di un piccolo chip organico che si ricarica da solo. Si inserisce ancora in un portafoglio normale anche se ha un urto minuscolo della batteria.

In che modo, nel mondo, competeranno con le nuove tecnologie come Apple Pay e Venmo? 

Un portavoce della società ha spiegato di avere un leggero vantaggio in almeno alcune situazioni, in particolare gli sportelli automatici, dove sono richieste le carte a banda magnetica.

L’innovazione sarà una delle principali leve di crescita nei prossimi anni, una sorta di rivoluzione dell’innovazione, perché al centro non c’è la tecnologia in sé, ma il capitale umano. Le sfide richiederanno esperienza e lungimiranza. L’uomo, con le proprie abilità, immaginazione ed educazione, dovrà suonare tutte le note a sua disposizione per comporre la più straordinaria delle sinfonie, quella sociale ed economica.

Leggi anche:Tecnologia digitale: cambiamenti previsti entro il 2022, le manovre della legge di bilancio