Interni

Tutti i misteri del caso Ruby: il processo a Berlusconi si trasforma in un giallo

Una serie di morti, ognuna a modo suo considerata poco limpida, tutte legate in un modo o nell’altro a un’unica figura. Quella di Ruby Rubacuori, la ragazza che aveva scoppiare uno scandalo per il suo legame con l’ex premier Silvio Berlusconi e intorno alla quale, negli anni, si sono susseguiti una serie di misteri. La scomparsa, innanzitutto, del’ex avvocato Egidio Verzini, che aveva scelto l’eutanasia senza comunicare a nessuno le sue volontà.

Emilio Randacio, giornalista della Stampa, che aveva seguito molto da vicino il noto processonel quale è indagato Silvio Berlusconi e stroncato improvvisamente da un malore. E poi Imane Fadil, testimone chiave nel procedimento Ruby Ter, forse avvelenata. Una vicenda che continua a sollevare diversi interrogativi. Verzini, innanzitutto. Che dopo aver fatto una serie di rivelazioni choc era andato in una clinica svizzera per interrompere le sue sofferenze, il 4 dicembre 2018.
Verzini, aveva parlato pubblicamente di un versamento totale di 5 milioni effettuato “da Silvio Berlusconi” nel 2011 tramite una banca di Antigua verso il Messico, di cui 2 milioni a Luca Risso, già compagno di Ruby, e 3 milioni direttamente a lei. Nella sua dichiarazione, Verzini spiegava che l’operazione sarebbe stata diretta interamente dall’avvocato principale di Berlusconi, Niccolò Ghedini, con la collaborazione operativa dello stesso Risso.Un altro capitolo è legato alla morte di Imane Fadil, la 34enne marocchina che aveva preso parte a 8 cene ad Arcore. Le sue dichiarazioni, che facevano riferimento addirittura a presenze maligne e pratiche sataniche, avevano fatto molto scalpore. “Voglio raccontare tutto. La cosa non si limita a un uomo potente che aveva delle ragazze. – raccontò in un’intervista rilasciata al Fatto Quotidiano – C’è molto di più in questa storia, cose molto più gravi”. La procura di Milano ha aperto un fascicolo per omicidio. Quasi certamente gli inquirenti leggeranno il manoscritto che Fadil intendeva far diventare un libro nel quale sono state raccolte le esperienze e le dichiarazioni rilasciate nel tempo dalla donna.

Berlusconi fiuta la crisi: “Salvini torna a casa, vogliamo governare con te!”