Mass Media

Caterina Balivo difende Giorgia Meloni: “Da parac… dire che ti spaventa”

Caterina Balivo torna a condurre una trasmissione televisiva nei prossimi giorni. Si tratta del programma ‘Lingo’ che andrà in onda su La7. E così la conduttrice ne approfitta, per così dire, per farsi un po’ di pubblicità. Nel corso di un’intervista a TvBlog la Balivo spara diverse bordate contro alcuni personaggi noti che, a suo modo di vedere, sbagliano a criticare in maniera troppo aspra la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni.

Caterina Balivo

“È da parac… dire quello che ti spaventa. – così Caterina Balivo risponde ad una domanda di TvBolg sulle critiche alla Meloni – Perché non dici quello che ti interessa? Perché non dici per chi voti e perché? Preferirei che se ti esponi mi dici chi voti e non chi non voti”. La conduttrice non fa nessun nome specifico, ma è chiaro che il suo riferimento sia rivolto a personaggi dello spettacolo come Elodie, Giorgia, Loredana Bertè e Vanessa Incontrada, le quali recentemente si sono dette spaventate dal possibile ingresso dell’esponente politica sovranista a Palazzo Chigi.

La Balivo rassicura però sul fatto di non avere alcuna intenzione di fare politica. “Sinceramente non lo farò, non ritengo sia il momento giusto di farlo. – sottolinea – Ho lavorato per tanto tempo in Rai e lì la richiesta di non esporsi politicamente è esplicita. Non si usa il mezzo pubblico per esporre una tua idea. Giusto. A meno che non si faccia l’opinionista”.

La conduttrice invita poi tutti i cittadini ad andare a votare. “Se potete, andate a votare. – questo il suo appello – Anche se non capisco perché non si possa votare nella città in cui si è domiciliati. Sarebbe un vantaggio economico, ma anche in termini di ecosostenibilità, un tema che mi è molto caro da sempre. Oppure da casa. Sai quanti soldi risparmieremmo? Alcune cose in questo Paese non mi tornano. E su questo nessuno può mettermi il bavaglio”.

Potrebbe interessarti anche: Vanessa Incontrada spaventata da Giorgia Meloni: “Mi fa molta paura”

Torna su