People

“Sei un camerata”. Chef Rubio contro Totti: qual è l’accusa all’ex campione

Chef Rubio è più attivo che mai sui social e continua a sferrare i suoi attacchi, soprattutto ai colleghi vip. Stavolta a finire nel mirino dello chef è nientepopodimeno che l’ex capitano della Roma Francesco Totti, il quale sarà a Tel Aviv, in Israele, per seguire la finale di Champions League fra Manchester City e Chelsea nell’ambito di un evento legato ad Heineken, sponsor della più celebre e seguita competizione europea per club di calcio. Totti verrà raggiunto nella capitale israeliana da quattro sorteggiati tra gli iscritti al concorso indetto dal noto marchio di birra, che seguiranno con lui lo scontro finale tra le due squadre inglesi. (Continua a leggere dopo la foto)

“Ciao Israele fans, sono molto felice di venire in Israele per partecipare alla fantastica esperienza della finale di Champions League con quattro di voi. Sarete la mia Totti team, un uomo, una squadra. See you soon”, dice il numero uno della Roma nel messaggio di lancio dell’iniziativa. Al messaggio, però, risponde anche Chef Rubio. La partenza di Totti per Tel Aviv, infatti, arriva in un momento delicato, nel pieno del cessate il fuoco raggiunto tra Israele e il movimento nazionalista palestinese Hamas dopo giorni di ostilità che hanno provocato numerose vittime, ufficialmente 232 palestinesi a Gaza, di cui 65 bambini, e 12 in Israele, di cui due bambini. (Continua a leggere dopo la foto)

Motivo per cui la notizia della partenza del calciatore, come ricostruito da Tpi, ha scatenato diverse polemiche, particolarmente forte è stato l’attacco di Chef Rubio che ha scritto: “Comunque la @OfficialASRoma è più vecchia dello stato illegale, teocratico, d’occupazione e apartheid israeliano fondato dai sionisti, gruppo di sadici fascisti, razzisti e colonialisti. Una carriera da Capitano per poi finire camerata”, scrive su Twitter il cuoco romano dando fondamentalmente del fascista a Totti.

Ti potrebbe interessare anche: Salvini parla di “turisti che causano problemi” davanti alle foto dei migranti morti