Tecnologia

Chiave digitale: uno smartphone per sbloccare qualsiasi modello di auto

Il Car Connectivity Consortium (CCC) organizzazione di cui fanno parte anche Apple, Samsung, BMW,Volkswagen, Honda e Toyota, ha rilasciato il Digital Key Release 1.0. Quella specifica è una soluzione standardizzata progettata per eliminare le chiavi e i portachiavi che portiamo tutti per le nostre auto oggi e sostituirli con una versione digitale che risiede sul tuo smartphone una tecnologia che potrebbe rendere obsolete le chiavi della macchina, già dall’inizio del 2019. Oltre ad essere in grado di sbloccare le porte dell’auto, permetterà di avviare il motore e condividere l’accesso all’auto con altri dispositivi intelligenti. Il consorzio assicura “il massimo livello di sicurezza” e utilizzerà la tecnologia NFC (Near Field Communication). 

Potrebbe non passare molto tempo prima che le chiavi della macchina fisica siano un ricordo del passato, sostituite dalla tecnologia sui nostri dispositivi mobili, tuttavia con queste nuove chiavi digitali derivano grandi responsabilità, motivo per cui i grandi marchi collaborano in un consorzio Car Connectivity per sviluppare una soluzione standardizzata. Considerando che la tecnologia è sempre alla ricerca di modi per alleggerire le nostre tasche e le nostre borse di carte bancarie o di fedeltà, non sorprende che le chiavi della macchina potrebbero essere le prossime. 

chiave-digitale-auto

Leggi anche: Apple, accordo con Volkswagen per realizzare auto senza conducente

Le chiavi digitali una realtà in futuro

Le specifiche Digital Key utilizzano NFC per comunicare con l’auto  promettono ciò che il CCC definisce un “robusto ecosistema” di casi d’uso delle chiavi digitali interoperabili che consentiranno ai conducenti di bloccare, sbloccare, avviare il motore e condividere l’accesso alle auto utilizzando dispositivi intelligenti come un iPhone o un telefono Android. Il sistema incorporerà metodi di autenticazione utente affidabili per proteggere le macchine e le chiavi digitali. Digital Key è un sistema sicuro che consente alle case automobilistiche di trasferire un’implementazione della chiave digitale su un dispositivo intelligente tramite un’infrastruttura Trusted Service Manager. 

Tale infrastruttura sfrutta il limite di distanza NFC e un collegamento diretto con l’elemento sicuro del dispositivo. Alcuni scenari di utilizzo che sono previsti con le nuove chiavi digitali sono i servizi di car sharing e noleggio e le operazioni chiave per i proprietari di veicoli. Tra le aziende associate al charter CCC ci sono marchi importanti come Apple, Audi, BMW, General Motors, Hyundai, LG Electronics, Panasonic, Samsung e Volkswagen, mentre i membri principali includono Alps Electric, Continental Automotive GmbH, DENSO, Gemalto, NXP e Qualcomm Incorporated. 

Leggi anche: Auto elettrica: ecco il futuristico veicolo a due ruote

chiave-digitale-auto

Il consorzio rileva che, dato l’interesse dimostrato dai produttori di automobili e smartphone e dall’ecosistema dei fornitori, CCC ha iniziato a lavorare sulle specifiche Digital Key Release 2.0 con il set di consegna previsto per il primo trimestre 2019. Audi, un membro del consorzio, ha già una funzione chiave mobile sotto forma di chiave Audi connect sul dispositivo mobile, mentre altri marchi hanno in programma di mettere in atto un tale sistema nel prossimo futuro. La versione 2.0 fornirà un protocollo di autenticazione standardizzato tra il veicolo e il dispositivo intelligente. 

Unendo le forze, Release 2.0 fornirà una soluzione completamente scalabile per ridurre i costi di sviluppo per gli utenti adottivi e garantire l’interoperabilità tra diversi dispositivi e veicoli intelligenti. Questo significa che con il supporto di Apple e Samsung, potremmo utilizzare il nostro iPhone o Galaxy per sbloccare una varietà di modelli di auto. Quindi il futuro senza chiavi sta arrivando?

Leggi anche: Autopromotec 2018, digitalizzazione e nuovi trend della mobilità