Tecnologia

Auto elettrica: ecco il futuristico veicolo a due ruote

Un ingegnere cinese ha progettato un’automobile a due ruote del futuro basata su un modello Ford del 1961. Le auto a due ruote autobilanciate, conosciute come gyrocars, probabilmente una delle concept car più folli e interessanti, sono in circolazione da oltre 100 anni, ma non sono riuscite a prendere piede. Zhu Lingyun spera di cambiarlo con il suo design a giroscopi ispirato alla Ford Gyron del 1961. Il veicolo a due ruote non ha un volante o un pedale di accelerazione, ed è invece controllato da un mouse per computer e da uno schermo da 24 pollici. L’auto può anche guidare autonomamente, e potrebbe essere messa in vendita entro il 2020, afferma il suo inventore.

Beijing Lingyun Intelligent Technology Co progetta di costruire l’auto per uso pubblico, e il veicolo è già in fase di test in Cina. “Mi è stato detto da un potenziale investitore che ho zero possibilità di far funzionare l’idea,” Zhu, 40 anni, disse a Bloomberg dopo un test drive di un prototipo chiamato 1703. “Ma credo fermamente che questo sia il futuro del trasporto urbano perché è squisito, a risparmio energetico e facile da gestire. Devo farlo.” Zhu e la sua startup Lingyun sperano di avere l’auto sul mercato entro il 2020. Ha scoperto per la prima volta il Gyron di Ford su Internet cinque anni fa e ha voluto immediatamente costruirne uno suo. L’auto era nella copertina del maggio 1961 della rivista Car Life e poi esposta al Motor Show di Detroit. Zhu era così innamorato che fondò la sua azienda nel 2014 per sviluppare una versione del 21 ° secolo, ha avviato Lingyun con $ 470.000 in investimenti e tre dipendenti. La compagnia ora vale $ 60 milioni.

auto-due-ruote-girocars

Leggi anche: Innovazione Svezia, le ambulanze spegneranno autoradio e smartphone delle auto su strada

Gyron l’auto di Zhu

 

Il Gyron aveva due posti e una pinna caudale e non è mai entrato in produzione. L’auto di Zhu è una monoposto lunga circa 10 piedi, lungo circa 3 metri e può raggiungere velocità fino a 62 mph una velocità di 100 km / h. Il giroscopio che bilancia l’auto è sotto il sedile e le porte si aprono su entrambi i lati. Le ruote retrattili sono sotto le porte. Durante un test drive, il girocar era silenzioso e stabile, e più agile di una macchina tradizionale quando si svolta. La batteria del gyrocar ha un’autonomia di 100 chilometri e Zhu prevede che le batterie siano rimovibili e ricaricabili a casa.

“Nella maggior parte dei casi, un’automobile è utilizzata da una sola persona, quindi un’auto per una persona ha prospettive di mercato”, ha detto Li Jianwei, che ha guidato l’investimento di Sequoia Capital in Lingyun nel 2014. Finché possono dimostrare che i loro veicoli sono affidabili e sicuri, il governo lo accetterà gradualmente. Abbiamo preso questo come un investimento a lungo termine “.  Il prototipo 1703 può guidare autonomamente o può essere controllato dallo smartscreen. Un video promozionale mostra una donna che applica il rossetto e controlla il suo iPhone mentre gira intorno a un parcheggio.

auto-due-ruote-girocars

Leggi anche:  Auto a guida autonoma, in calo la fiducia dei consumatori

Non solo Zhu, come produttore di auto

 

Zhu non è l’unico produttore di automobili che cerca di sfruttare i progressi delle batterie, dei motori elettrici e della tecnologia giroscopica utilizzata negli iPhone e nei Segway per tracciare i movimenti dell’utente o mantenere l’equilibrio. La startup di San Francisco Lit Motors ha sviluppato diversi prototipi di veicoli elettrici a due ruote e il New York Times ha riferito nel 2016 che la compagnia era in trattativa per una potenziale acquisizione da parte di Apple Inc. Le auto a due ruote comparvero per la prima volta più di un secolo fa, ma non furono mai catturate dal momento che i consumatori preferivano lo spazio e la stabilità delle auto tradizionali o la velocità e la maneggevolezza delle motociclette.

La Cina è il mercato più grande del mondo per i veicoli elettrici, ma un ostacolo principale al fascino di massa del girocaro è se è legalmente un’auto o una moto. Il veicolo è considerato una moto nel Regno Unito, ma si trova in un limbo regolamentare in Cina, dove le norme attuali non riguardano le girobussole a due ruote, ha detto Zhu. “Abbiamo creato qualcosa che l’industria automobilistica non è stata in grado di presentare al mercato in oltre 100 anni”, ha detto Zhu. “Il girocars trasporta l’immaginazione della gente sui trasporti futuri.”

Leggi anche: Elon Musk, dichiarazioni su autopilota, Model 3 e motocicletta Tesla