Start Up & Imprese

Cibo sostenibile: Just Tetrick vuole porre fine alla fame nel mondo

Una rivoluzione alimentare può partire da una maionese senza uova? A quanto pare, sì, visto il riscontro ottenuto da Hampton Creek, la start up fondata da Josh Tetrick nel 2011 e indicata nel 2013 da Bill Gates tra le tre società che daranno forma al cibo del futuro. La mission di Hampton Creek è chiara e diretta: rendere il cibo migliore, ovvero più conveniente, più sostenibile, più salutare e (naturalmente) più buono. E i primi prodotti resi disponibili sul sito – la maionese senza uova Just Mayo e i biscotti senza latticini, colesterolo e allergeni Just Cookies, amati da Oprah Winfrey – hanno letteralmente sbancato.

Questo campo ha catturato l’immaginazione di alcuni dei più ambiti venture capitalist della Silicon Valley. Dalla fondazione di Hampton Creek, nel 2011, la società ha attirato 247 milioni di dollari da investitori tra cui il CEO di Salesforce, Marc Benioff, il co-fondatore di Yahoo Jerry Yang, e Founders Fund di Peter Thiel. È stato lodato da Gates nel 2013 come un esempio promettente di “futuro del cibo” e nominato due anni dopo Pioneer Technology World Economic Forum. Nel 2014, Tetrick è stato acclamato come uno dei 40 under 40 della Fortune . Ha corteggiato una stalla di consulenti, tra cui Kathleen Sebelius, ex Segretario della Salute e dei Servizi Umani, e fan di A-list come John Legend e lo stilista Stella McCartney. Lo scorso autunno, Hampton Creek aveva un valore di $ 1,1 miliardi – sicuramente la prima volta che un uovo vegano ha schiuso un unicorno. Ma Josh Tetrick spera che la sua startup di prodotti alimentari sostenibili, JUST, sarà conosciuta per qualcosa di più della maionese vegana. L’ultimo progetto? Carne animale prodotta da cellule coltivate in laboratorio. JUST spera di fare la sua prima vendita della “carne pulita” entro la fine dell’anno. 

cibo-sostenibile-just-tetrick

Da dove nasce la formula di Hampton Creek?

Tetrick, il fondatore e attuale ceo, aveva lavorato sette anni nell’Africa sub-sahariana. Qui, aveva avuto modo di toccare con mano tutta una serie di problematiche legate alla sostenibilità alimentare. Tornato negli Stati Uniti, Tetrick decise di dedicarsi alla mission di rendere le scelte alimentari migliori più disponibili e convenienti, sostituendo le proteine animali con ingredienti vegetali.  Tetrick afferma che i prodotti JUST richiedono molto meno acqua per produrre ed emettono molto meno gas serra. Così, grazie a un seed di 500mila dollari, nel dicembre 2011 iniziò la sua avventura. E anche il palmarès di Tetrick è ricco di riconoscimenti: è stato incluso da Inc. Magazine tra i primi 35 imprenditori sotto i 35 anni, così come il Fortune Magazine l’ha messo nella classifica dei primi 40 sotto i 40 anni.

cibo-sostenibile-just-tetrick

Leggi anche: Cibo e mondo digitale, nasce Wikonsumer: cos’è e come utilizzarlo

Just e la sua ispirazione

La sua ispirazione per Just è arrivata grazie al suo migliore amico che pensava che avrei potuto fare qualcosa di più nella mia vita che perseguire una carriera tradizionale nell’investment banking o nella legge e, si spera, fare molto bene lungo la strada. Lui, più di chiunque altro, mi ha motivato ad usare il business per capire come aiutare le persone a mangiare un po’ meglio. Penso che mangiare bene dovrebbe essere un diritto fondamentale, ma 1,1 miliardi di persone andranno a letto affamati stanotte, secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura.” Quasi 2,1 miliardi vivono i loro giorni carenti di micronutrienti che promuovono lo sviluppo cognitivo e prevengono le malattie, e 6,5 miliardi, compresa la maggior parte della gente che legge questo, mangia cibo che indebolisce i loro corpi e degrada il pianeta.

Molte persone non vogliono mangiare in questo modo, ma a causa di problemi di accesso al cibo, non hanno altra scelta. “Il sistema alimentare è ingiusto e non era qualcosa a cui avevo pensato fino a quando il mio amico non mi ha aperto gli occhi. I problemi con il sistema alimentare stanno peggiorando, non meglio. Questi includono cose come l’impatto negativo sull’ambiente, sulla salute e sul benessere degli animali del cibo che mangiamo. Se collaboriamo con altri che condividono la nostra prospettiva, possiamo trovare un modo per cambiare le cose velocemente. Dobbiamo solo farlo. Sapendo che ogni giorno diamo da mangiare a più persone un cibo migliore. Questa è la metrica che conta più di ogni altra. Farlo con persone a cui tengo di tutti i ceti sociali e di tutto il mondo mi fa sentire molto grato e ancora più gioioso.”

Leggi anche: Salute e benessere: le alghe sono il cibo del futuro ecco perché