Lifestyle

Cina, petroliera affondata: si teme disastro ambientale

La petroliera trasportava 136mila tonnellate di condensato ultraleggero che è fuoriuscito e si è disperso su una vasta area del mar Cinese orientale. Timori per l’ambiente. Morte le 32 persone che erano a bordo della nave

Un’enorme chiazza di petrolio brucia nel mar Cinese e si teme per l’ambiente. In fiamme il greggio fuoriuscito dalla petroliera iraniana Sanchi, affondata domenica dopo essersi scontrata nei giorni scorsi con un mercantile. E immagini diffuse  mostrano una grande colonna di fumo denso e nero che domina le acque del mar Cinese orientale. Il condensato ultraleggero fuoriuscito continua a bruciare in una enorme chiazza ,che si estende per circa un chilometro quadrato. L’incendio ha avuto origine dopo la collisione del 6 gennaio a 160 miglia da Shanghai contro il mercantile Cf Crystal: 3 corpi dei 32 membri d’equipaggio della Sanchi sono stati recuperati. Nessuna speranza per i 29 ancora dispersi.

La nave trasportava idrocarburi liquidi che sono un ingrediente chiave per la produzione di prodotti petrolchimici, compreso il carburante per aerei. La petroliera e la sua chiazza di petrolio associata erano in fiamme da giorni dopo la collisione. Mentre l’incendio probabilmente uccideva tutti a bordo della nave.

cina-petroliera-affonda
 

Un’enorme chiazza di petrolio brucia nel mar Cinese e si teme per l’ambiente. In fiamme il greggio fuoriuscito dalla petroliera iraniana Sanchi, affondata domenica dopo essersi scontrata nei giorni scorsi con un mercantile. E immagini diffuse  mostrano una grande colonna di fumo denso e nero che domina le acque del mar Cinese orientale. Il condensato ultraleggero fuoriuscito continua a bruciare in una enorme chiazza ,che si estende per circa un chilometro quadrato. L’incendio ha avuto origine dopo la collisione del 6 gennaio a 160 miglia da Shanghai contro il mercantile Cf Crystal: 3 corpi dei 32 membri d’equipaggio della Sanchi sono stati recuperati. Nessuna speranza per i 29 ancora dispersi.

La petroliera trasportava idrocarburi liquidi che sono un ingrediente chiave per la produzione di prodotti petrolchimici, compreso il carburante per aerei. La petroliera e la sua chiazza di petrolio associata erano in fiamme da giorni dopo la collisione. Mentre l’incendio probabilmente uccideva tutti a bordo della nave.

Le autorità cinesi, giapponesi e sudcoreane stanno tentando di valutare la portata dei danni ambientali causati dalla fuoriuscita di petrolio. Secondo Pechino, il disastro è meno grave di quello che coinvolse la petroliera Exxon Valdez al largo dell’Alaska, nel 1898, devastando duemila chilometri di coste. Secondo Richard Steiner, specialista di disastri petroliferi che vive e lavora in Alaska, il fatto che una parte del carico sia bruciata anziché disperdersa in mare limiterà gli effetti del disastro.

Leggi anche: Catastrofi naturali: per affrontare meglio le calamità serve un approccio diverso al problema
cina-petroliera-affonda

Restano però i timori e al momento i danni sono ancora difficili da valutare. Tuttavia, il fuoco è ora fuori, e la nave è affondata, aumentando la possibilità che il carico dannoso stia andando direttamente in mare. Ma se tutto il condensato dovesse fuoriuscire nell’oceano, si classificherà come il più grande sversamento degli ultimi decenni. Molto rimane sconosciuto sul destino del carico, e quindi si può dire qualcosa di simile su quali saranno gli impatti ambientali. 

I rapporti degli ultimi giorni non sono incoraggianti, dal momento che si parla di una chiazza di petrolio che si sta diffondendo rapidamente sulla superficie dell’oceano. Citando le autorità cinesi, spiegano che la fuoriuscita è passata da 3,9 miglia quadrate a 52 miglia quadrate tra la domenica e il lunedì ora locale. Una fuoriuscita di petrolio nel Mar della Cina dell’Est, pesantemente trafficato, potrebbe avere ripercussioni ambientali significative. 

Le balene megattere attraversano quella zona e anche le specie pescate pesantemente, come lo sgombro e il tonno rosso, trascorrono del tempo in quella zona. “È virtualmente certo che gran parte del condensato è andato in mare in soluzione e questo danneggerà la vita marina esposta ad esso” ha detto a Bloomberg Richard Steiner. “Anche la frazione bruciata lascerà un residuo tossico sull’acqua.”

Ma Jun, un ambientalista cinese, è stato citato dalla CNN dicendo che la fuoriuscita è avvenuta in una delle zone di pesca più produttive del paese, conosciuta come la zona di pesca di Zhoushan

Leggi anche: Bioplastiche a smaltimento rapido per diminuire il marine litter