People

Conte al funerale di Willy: “L’Italia ama questa famiglia. Contrastiamo il mito della violenza”

Alla fine del funerale di Willy il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha abbracciato la madre e il padre del ragazzo barbaramente ucciso a Colleferro. Lucia e Armando, i genitori, e la sorella Milena, hanno accolto l’abbraccio del premier. Il quale ha poi commentato: “Ora ci aspettiamo condanne severe e certe”, mentre parenti e amici accarezzavano la bara di legno beige che si allontanava tra applausi e lacrime. “Basta con la mitologia della violenza, questo non è un episodio isolato”, aggiunge ancora Conte, bloccato dai cronisti, anche lui in camicia bianca, il colore scelto dalla famiglia e dagli amici per salutare Willy in questo giorno.

Ha detto ancora Conte: “Sono qui in rappresentanza del governo, ma c’è tutta l’Italia. L’Italia che ama questa famiglia, una famiglia umile e operosa. Abbiamo seguito tutti questa vicenda di efferata violenza. Non possiamo sottovalutarla o minimizzarla. Non è un episodio singolo. Dobbiamo guardarci in faccia e maturare la consapevolezza che ci sono alcune sacche della popolazione che coltivano il mito della violenza e della sopraffazione. Dobbiamo contrastare questa mitologia ed estinguerla”.

Ha concluso Conte: “Dobbiamo richiamare il quadro di valori su cui si fonda la nostra civiltà nel rispetto della persona e della sua dignità, chiunque essa sia. Ora ci aspettiamo condanne severe e certe e ci aspettiamo una certa esecuzione della pena”. Nel campo sportivo, moltissimi ragazzi sulle sedie in plastica disposte sul manto erboso con maglie bianche e la scritta ‘Ciao Willy’. “Ora bisogna solo far sentire alla famiglia la vicinanza di tutti e pretendere presto giustizia”.

Il governatore della Regione Lazio ha annunciato che la Regione “pagherà e sosterrà la famiglia per le spese legali e uno degli istituti alberghieri del Lazio sarà dedicato al nome di Willy”. Il sindaco di Colleferro Pierluigi Sanna ha invece commentato: “Il mio auspicio è che sia presto fatta giustizia e che si faccia chiarezza presto sulle responsabilità di ognuno. Il mio appello a testimoniare è stato ascoltato e si sono aggiunti testimoni”.

 

Ti potrebbe interessare anche: Giorgetti, sgambetto a Salvini: “Voto No al referendum. Vi dico perché”