Guide

Contratto di governo Lega-M5S: ecco cosa prevede il testo punto per punto. A distanza di 1 anno mantenute solo il 12% delle promesse

A distanza di poco più di un anno dall’insediamento dell’esecutivo gialloverde di Giuseppe Conte, è tempo di fare un primo bilancio tra le promesse fatte dal governo e il loro effettivo mantenimento. Intanto bisogna ricordare che quello tra Lega e Movimento 5 Stelle è il primo governo fondato su un contratto: dalle pensioni alla pace fiscale fino al Tav o al Reddito di cittadinanza, tutto si basa su un pre-accordo tra i due partiti politici firmato il 18 maggio dello scorso anno per dare il via alla loro alleanza. Il sito di fact-cheking Pagella Politica ha dato vita al Promessometro: uno strumento in cui aggiorna in tempo reale tutte le promesse che il governo ha mantenuto o disatteso, così come gli impegni che non ha rispettato e quelli sui quali sta ancora lavorando. Dall’analisi emerge che dopo un anno a Palazzo Chigi, l’esecutivo ha mantenuto la parola data in 37 casi su 317: appena nel 12% dei casi. Se continuasse di questo passo le promesse mantenute entro il 2023 potrebbero diventare il 60%, ovvero poco più della metà.

Il contratto di governo tocca molti punti e, in teoria, è vincolante per le due forze che compongono la maggioranza, anche se in questi primi mesi non sono mancati comunque gli screzi tra i due partiti. Qui di seguito vediamo allora un sunto punto per punto su come è stato strutturato il contratto di governo, un utile promemoria per verificare che il programma venga effettivamente realizzato entro i 5 anni della legislatura.

Comitato di conciliazione
• In caso in seno alla maggioranza dovessero sorgere delle problematiche da dover dirimere, verrà convocato il Comitato di conciliazione
• Dovrà risolvere sia le divergenze in merito al programma che per trovare un’intesa su un tema non presente nell’accordo di governo sottoscritto
• Il ricorso potrà essere richiesto da uno dei contraenti per esaminare questioni
ritenute fondamentali
• La composizione e il funzionamento del Comitato di conciliazione sono
demandate ad un accordo tra le parti
• Il Comitato, dopo un’attenta analisi e valutazione del rapporto tra costi
e benefici, adotterà le opportune decisioni con riferimento alla realizzazione
e al completamento delle opere pubbliche di rilievo nazionale
non espressamente menzionate nel presente contratto

Ambiente
• Applicazione della volontà popolare che si è espressa con il Referendum del 2011 sull’acqua pubblica
• Rinnovamento della rete idrica per ridurre al minimo le perdite
• Tutela dei prodotti agricoli Made in Italy
• Riforma dell’Agenzia nazionale per le erogazioni in agricoltura (AGEA) e del sistema informativo unificato di servizi del comparto agricolo (SIAN)
• Sostegno alla Green Economy
• Promozione dell’economia circolare
• Interventi in chiave preventiva per una manutenzione ordinaria e straordinaria del sottosuolo
• Mappatura degli edifici dove è presente amianto
• Contrasto al rischio idrogeologico
• Aumento del risparmio e dell’efficienza energetica
• Programma di riconversione economica dell’ILVA chiudendo le fonti inquinanti

Conflitto di interesse
• Estensione del conflitto di interesse oltre il mero interesse economico
• Estensione a chi esercita la funzione pubblica
• Estensione per chi svolge incarichi non governativi ma che hanno capacità di influenza (sindaci grandi città oppure dirigenti di società partecipate dello Stato)

Cultura
• Riforma del sistema di finanziamento del Fondo Unico per lo Spettacolo (FUS)
• Miglioramento dei servizi offerti ai turisti

Debito pubblico e deficit
• Riduzione del debito tramite aumento del PIL
• Scorporo della spesa per investimenti pubblici dal deficit corrente in bilancio
• Recupero di risorse per attuare il programma di governo derivante dal taglio agli sprechi

Difesa
• Tutela dell’industria italiana del comparto difesa
• Nuove assunzioni nelle forze dell’ordine (carabinieri per la Difesa) con aumento delle dotazioni e dei mezzi
• Rivalutare la presenza dei contingenti italiani nelle singole missioni internazionali geograficamente, e non solo, distanti dall’interesse nazionale italiano
• Impegno nel razionalizzare lo spreco di risorse nelle spese
militari anche con riferimento alla riforma del patrimonio immobiliare
dismesso

Esteri
• Appartenenza all’Alleanza atlantica, con gli Stati Uniti di America quale alleato privilegiato
• Apertura alla Russia, da percepirsi non come una minaccia ma quale partner economico e commerciale, con tanto di ritiro delle sanzioni imposte
• Aumento della cooperazione con i paesi impegnati nella lotta contro il terrorismo
• Riforma delle procedure di voto degli italiani all’estero
• Riorganizzazione delle rete diplomatica e consolare
Fisco
• Sterilizzazione delle clausole di salvaguardia che comportano l’aumento delle aliquote IVA e accise
• Eliminazione delle componenti anacronistiche delle accise sulla benzina
• Flat Tax: due aliquote fisse al 15% e 20% per persone fisiche, partita IVA, imprese e famiglie; per le famiglie è prevista una deduzione fissa di 3.000,00 euro sulla base del reddito familiare
• No Tax Area per persone a basso reddito
• Pace fiscale per tutte quelle situazioni eccezionali e involontarie di dimostrata difficoltà economica
• Abolizione dello spesometro e del redditometro
• Inasprimento della lotta all’evasione fiscale con “carcere vero” per i grandi evasori
• Tassazione dei grandi capitali esteri

Giustizia
• Revisione del sistema di elezione del Consiglio Superiore della Magistratura
• Un magistrato che si candida in politica non potrà poi tornare a indossare la toga
• Modifica della riforma del 2012 che ha accentrato sedi e funzioni
• Informatizzazione degli uffici giudiziari e completamento delle piante organiche
• Riconoscimento dei magistrati onorari modificando la recente riforma Orlando
• Revisione del rito abbreviato (no applicazione per i reati dove è previsto l’ergastolo)
• Estensione della legittima difesa domiciliare
• Inasprimento pene per violenza sessuale
• Riforma della prescrizione dei reati
• Velocizzazione del processo civile (riduzione numero di riti)
• Implemento dello strumento della class-action
• Rivisitazione dell’istituto dell’affidamento condiviso dei figli
• Inasprimento delle leggi attuali riguardanti i reati ambientali e quelli nei confronti degli animali
• Realizzazione di nuove carceri e ammodernamento delle attuali
• Assunzioni nella Polizia Penitenziaria
• Accordi bilaterali per far scontare la pena ai detenuti stranieri nel proprio paese d’origine
• Rigore nel funzionamento del 41-Bis
• Riforma del processo tributario con l’istituzione di giudici di ruolo

Immigrazione
• Superamento del Regolamento di Dublino
• Procedure più veloci per la verifica del diritto allo status di rifugiato o la sua revoca
• Maggiore trasparenza nella gestione dei fondi pubblici destinati al sistema di accoglienza (maggiore coinvolgimento delle istituzioni pubbliche)
• Individuazione di una sede di permanenza territoriale per ogni regione finalizzata al rimpatrio
• Aumento dei rimpatri degli irregolari
• Stop vendita di armi nei paesi in guerra
• Istituzione di un registro dei ministri di culto e la tracciabilità dei finanziamenti per la costruzione delle moschee e, in generale, dei luoghi di culto, anche se diversamente denominati
• Chiusura immediata di tutte le associazioni islamiche radicali nonché di moschee e di luoghi di culto, comunque denominati, che risultino irregolari
Lavoro
• Salario minimo orario
• Aprrendistati per le libere professioni non più gratuiti
• Riduzione strutturale cuneo contributivo
• Ripristino voucher da attivare per via telematica attraverso un’apposita piattaforma digitale per la gestione dei rapporti di lavoro accessorio

Lotta alla corruzione
• Aumento delle pene per tutti i reati contro la pubblica amministrazione di tipo corruttivo per i quali debbono essere preclusi gli sconti di pena mediante un sistema che vieti l’accesso a riti premiali alternativi
• DASPO per corrotti e corruttori con interdizione dai pubblici uffici
• Introduzione dell’agente sotto copertura e provocatore per favorire l’emersione di fenomeni corruttivi
• Rafforzamento delle tutele per il whistleblower
• Potenziamento utilizzo intercettazioni

Ministero per le Disabilità
• Istituzione di un dicastero dedicato
• Rafforzamento dei fondi sulla disabilità e la non autosufficienza
• Ricognizione dello stato di attuazione della legge 68/99 sul collocamento al lavoro delle categorie protette
• Effettivo abbattimento delle barriere architettoniche

Pensioni
• Superamento legge Fornero
• Stanziamento di 5 miliardi per agevolare l’uscita dal mercato del lavoro delle categorie ad oggi escluse
• Introduzione fin da subito Quota 100, Quota 41 e proroga in via sperimentale di Opzione Donna
Politiche per la famiglia
• Sostegno per servizi di asilo nido in forma gratuita a favore delle famiglie italiane
• Innalzamento dell’indennità di maternità, un premio economico a maternità conclusa, per le donne che rientrano al lavoro e sgravi contributivi per le imprese che mantengono al lavoro le madri dopo la nascita dei figli
• Rimborsi per asili nido e baby sitter, fiscalità di vantaggio, tra cui “IVA a zero” per prodotti neonatali e per l’infanzia

Reddito e pensione di cittadinanza
• Stanziamento di 17 miliardi annui per il Reddito di Cittadinanza (780 euro al mese finanziato al 20% dal Fondo Sociale Europeo) con il beneficiario che dovrà aderire alle offerte di lavoro provenienti dai centri dell’impiego massimo tre proposte nell’arco temporale di due anni
• Riorganizzazione e potenziamento dei centri per l’impiego
• Pensione di cittadinanza (integrazione per le pensioni minime fino alla somma di 780 euro)

Riforme istituzionali
• Riduzione del numero dei parlamentari (400 deputati e 200 senatori)
• Introduzione del vincolo di mandato popolare per contrastare il trasformismo
• Abrogazione del quorum strutturale per quanto riguarda i Referendum abrogativi
• Rapida calendarizzazione dei disegni di legge ad iniziativa popolare
• Più trasparenza per le Fondazioni legate ai politici
• Abolizione CNEL
• Adeguamento della regola dell’equilibrio di bilancio
• Maggiore autonomia alle Regioni trasferendo maggiori funzioni amministrative
• Rilancia del disegno attuativo delle disposizioni costituzionali su Roma Capitale
• Cittadinanza digitale alla nascita con accesso gratuito a internet per ogni cittadino

Sanità
• Tutela del Servizio Sanitario Nazionale
• Nuovi e diversi criteri di nomina sia dei medesimi direttori generali e sia dei direttori sanitari e amministrativi, così anche dei dirigenti di strutture complesse
• Informatizzazione del SSN con particolare riferimento al Fascicolo Sanitario Elettronico, alle ricette digitali, alla dematerializzazione dei referti e cartelle cliniche e alle prenotazioni e pagamenti online
• Riduzione dei tempi d’attesa aumentando l’assunzione di personale medico
• Discussione sulla tematica dei vaccini
Sicurezza
• Aumento personale delle Forze dell’Ordine
• Stabilizzazione e aumenti salariali per i Vigili del Fuoco
• Creazione di corsi di addestramento anti-terrorismo (C.A.T.) per tutti gli operatori che svolgono attività di controllo del territorio
• Dotazione a tutti gli agenti che svolgono compiti di polizia su strada di una videocamera sulla divisa, nell’autovettura e nelle celle di sicurezza, sotto il controllo e la direzione del Garante della privacy, con adozione di un rigido regolamento, per filmare quanto accade durante il servizio, nelle manifestazioni, in piazza e negli stadi
• Riordino del comparto della Polizia Locale
• Incentivare sviluppo settore della cyber security con particolare attenzione per il cyber bullismo
• Misure per il contrasto della dipendenza del gioco d’azzardo
• Velocizzare le procedure di sgombero abitativo attraverso l’azione ferma e tempestiva qualora non sussistano le condizioni di necessità certificate (rimpatrio immediato per gli stranieri)
• Più risorse per il piano di sicurezza stradale nazionale
• Pieno superamento dei campi rom

Sport
• Miglioramento degli impianti sportivi in tutto il territorio con istituzione di un’anagrafe degli impianti sia pubblici che privati
• Revisione delle attuali competenze del CONI
• Nuove agevolazioni fiscali e contributive per le piccole associazioni sportive dilettantistiche

Banche
• Creazione di una Banca per gli investimenti
• Separazione tra Banche di credito pubblico e Banche di investimenti
• Investimento per sviluppare l’innovazione tecnologica nella fornitura
• di servizi e prodotti finanziari (blockchain e FinTech), anche al fine
• di garantire una maggiore trasparenza nelle transazioni finanziarie
• Creazione di una Banca per gli investimenti, lo sviluppo dell’economia e delle imprese italiane utilizzando le strutture e le risorse già esistenti
• Inasprimento delle pene esistenti per i fallimenti dolosi
• Utilizzo di risorse provenienti da assicurazioni e polizze dormienti per il risarcimento dei risparmiatori

Trasporti e Telecomunicazioni
• Progressiva riduzione dell’utilizzo di autoveicoli con motori alimentati a diesel e benzina di origine fossile al fine di ridurre il numero di veicoli inquinanti
• Strumenti finanziari per favorire l’acquisto di un nuovo veicolo elettrico a fronte della rottamazione
• Piano Nazionale Infrastrutturale per la ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica
• Concessione di spazi pubblici per il car sharing
• Sviluppo delle reti ciclabili urbane ed extra urbane e di un sistema di bike-sharing capace di integrare differenti sistemi di mobilità su ferro e su gomma
• Ammodernamento nonché potenziamento delle linee ferroviarie regionali preesistenti
• Rilancio di Alitalia
• Ridiscussione progetto TAV Torino-Lione
• Nella RAI eliminazione della lottizzazione politica e alla promozione della meritocraziaTurismo
• Istituzione Ministero del Turismo
• Riorganizzazione dell’ENIT
• Introduzione della Web Tax turistica per contrastare la concorrenza sleale delle OLTA (OnLine Travel Agency) straniere
• Abolizione della tassa di soggiorno
• Interventi di decontribuzione per alcuni anni (minimo 2) alle imprese turistiche che assumono i giovani

Scuola
• Introduzione di nuovi strumenti che tengano conto del legame dei docenti con il loro territorio
• Abolizione della chiamata diretta dei docenti da parte del dirigente scolastico
• Abolizione alternanza scuola-lavoro
• Incremento delle risorse destinate all’Università e agli Enti di Ricerca e ridefinire i criteri di finanziamento delle stesse
• Riforma del sistema dell’Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica (AFAM)
• Ampliamento degli strumenti e delle risorse per il diritto allo studio (più studenti beneficiari della no tax area)
• Incremento delle risorse per la ricerca

Unione Europea
• Ridiscussione dei Trattati dell’UE
• Rafforzamento del ruolo del Parlamento Europeo
• Ridiscussione del contributo italiano alla UE in vista della programmazione settennale imminente con l’obiettivo di renderla coerente con il presente contratto di governo
• Superamento degli effetti pregiudizievoli per gli interessi nazionali derivanti dalla direttiva Bolkenstein
• Opposizione ai trattati Ceta, MESChina e TTIP

Ti potrebbe interessare anche: Minibot, tutti ne parlano ma nessuno li conosce: ecco cosa sono e come funzionano