Interni

Covid, Draghi a Bergamo: “Dobbiamo sentirci uniti anche senza abbracciarci”

Nel corso della Giornata nazionale in memoria delle vittime del Covid-19, Mario Draghi si è rivolto agli italiani dal parco della Trucca a Bergamo, città simbolo della lotta alla pandemia: “Il rispetto che dobbiamo a chi ci ha lasciati deve darci la forza per ricostruire il mondo che essi sognavano per i propri figli e nipoti. Tutta la comunità bergamasca ha dato prova di saper reagire, di trasformare i lutti e le difficoltà in voglia di riscatto, di rigenerazione. Il suo esempio è prezioso per tutti gli italiani che, sono certo, non vedono l’ora di rialzare la testa, ripartire, liberare le loro energie che hanno reso meraviglioso questo Paese”.

Covid, Draghi a Bergamo: "Dobbiamo sentirci uniti anche senza abbracciarci"

“Io sono qui oggi – ha poi aggiunto Draghi – per dirvi grazie e per impegnarmi insieme a tutti voi a ricostruire senza dimenticare. Non possiamo abbracciarci, ma questo è il giorno in cui dobbiamo sentirci tutti ancora piu’ uniti. A partire da qui, da questo luogo che ricorda chi non c’è più. In questa città non vi è nessuno che non abbia avuto un familiare o conoscente colpito dal virus. Cari bergamaschi, avete vissuto giorni terribili in cui non vi era nemmeno il tempo di piangere i vostri cari, di salutarli e accompagnarli per l’ultima volta”.

Covid, Draghi a Bergamo: "Dobbiamo sentirci uniti anche senza abbracciarci"

Draghi ha poi ricordato il dramma dell’inizio dell’emergenza: “Sono tante le immagini di questa tragedia, che hanno colpito tutti, in Italia e nel mondo. Una su tutte è indelebile: la colonna di camion militari carichi di bare. Era la sera del 18 marzo, esattamente un anno fa. Questo bosco non racchiude solo la memoria delle tante vittime cui va oggi il nostro pensiero commosso. Questo luogo è un simbolo del dolore di un’intera nazione. Lo testimoniò già, con la sua presenza alla commemorazione del 28 giugno al Cimitero Monumentale, il Presidente della Repubblica”.

“Siamo qui – ha concluso Draghi – per celebrare il ricordo perché la memoria di ciò che è accaduto nella primavera dello scorso anno non si appanni. Ricordare ci aiuta a fare buone scelte per la tutela della salute pubblica e per la salvaguardia del lavoro dei cittadini. Ricordare i tanti e magnifici esempi di ‘operatori del bene’ espressi nell’emergenza da questa terra ci dà la misura della sua capacità, del suo sacrificio”.

Ti potrebbe interessare anche: Covid, per l’Asl di La Spezia l’omosessualità è tra “i comportamenti a rischio”

[wpdevart_facebook_comment curent_url="https://www.business.it/covid-draghi-a-bergamo-dobbiamo-sentirci-uniti-anche-senza-abbracciarci/" order_type="social" title_text="" title_text_color="#000000" title_text_font_size="11" title_text_font_famely="monospace" title_text_position="left" width="100%" bg_color="#d4d4d4" animation_effect="random" count_of_comments="3" ]