Lifestyle

Crescono i borseggiatori in Usa: un vecchio “mestiere” che non tramonta anche grazie l’avvento degli smartphone

Così iperconnessi ma anche altrettanto iperdistratti: in un epoca in cui anche solo parlare al telefonino può consumare tutte le nostre capacità cognitive, lasciando poca o nessuna consapevolezza di ciò che ci accade attorno, le nostre tasche indifese restano alla mercé dei borseggiatori molto più di quanto non fossero in passato. Dalle notizie riportate sul Corriere della Sera, in questi ultimi anni tutte le grandi città degli Stati Uniti stanno registrando un’impennata di denunce per borseggio: nel 2018, a Chicago, l’aumento è stato del 13% rispetto all’anno prima, mentre secondo la rivista americana The Atlantic, nella sola Manhattan le denunce per furto sono salite l’anno scorso del 15%. Dalle indagini della polizia locale, dietro questi furtarelli ci sono spesso le giovani gang latino-americane che, abili nel lavorare in squadra con uno che fa da palo e individua il malcapitato, un altro che lo raggiunge da dietro e con abilità gli sfila il portafogli e un terzo che velocemente si allontana con la refurtiva, riescono da soli o in gruppo a rubare dalle tasche delle loro vittime la refurtiva.

Eppure con l’avvento del nuovo Millennio e di nuovi stili di vita, l’America sembrava prepararsi a dire addio a un mestiere antico come il Mondo. Infatti grazie all’arrivo della tecnologia, nei portafogli americani c’erano sempre meno contanti, sostituiti da carte di credito e app per pagare col telefonino. Eppure nonostante la diminuzione del contante in tasca, i primi colpevoli che incentivano questo crimine redditizio siamo noi: quante volte ci capita di isolarci dall’ambiente circostante per usare lo smartphone? E’ stato proprio questo nostro mondo ipertecnologico, iperconnesso ed iperinformato, il posto giusto per i disadattati ed emarginati giovani borseggiatori.
Gli americani hanno continuano ad avere in tasca i bigliettoni verdi, che sono ancora il metodo di pagamento più diffuso in Usa; così come sono diffuse le carte di debito, che non hanno gli algoritmi antifurto delle carte di credito. I giovani borseggiatori, poi, hanno fatto gli occhi lunghi e molti di loro hanno affiancato alla destrezza di mano l’abilità a identificare da una certa distanza il Pin digitato in un bancomat.

Ti potrebbe interessare anche: Furti d’auto: quali sono i modelli più a rischio?