Lifestyle

Criptovalute: Facebook apre una divisione blockchain

Facebook sta lanciando la propria divisione blockchain come parte di una più ampia riorganizzazione della sua linea esecutiva. Lo hanno confermato oggi diverse fonti alla nota rivista online di tecnologia, Recode. La mossa arriva quattro mesi dopo che il CEO Mark Zuckerberg ha dichiarato in un post di Facebook che voleva che la compagnia approfondisse e studiasse gli aspetti positivi e negativi delle criptovalute. “Ci sono importanti contro-tendenze –  aveva scritto il 4 gennaio scorso Zuckerberg – a questo (la centralizzazione in atto nel mondo tecnologico, ndr). Come ad esempio la crittografia e la criptovaluta che prendono il potere dai sistemi centralizzati e lo rimettono nelle mani delle persone. Ma corrono il rischio di essere più difficili da controllare. Mi interessa approfondire e studiare gli aspetti positivi e negativi di queste tecnologie e il modo migliore di usarle nei nostri servizi“. Sono passati quattro mesi, ed ecco partire la divisione blockchain di Facebook.

Cosa sappiamo della divisione blockchain di Facebook

Per ora Facebook sta dicendo poco della sua divisione blockchain. Ma sappiamo che David Marcus, che era vice presidente dei prodotti di messaggistica e supervisore di Facebook Messenger, gestirà il gruppo blockchain. L’ex amministratore delegato di PayPal, Marcus è stato a lungo interessato ai pagamenti e attualmente fa parte del consiglio di amministrazione di Bitcoin Exchange Coinbase. “Dopo quasi quattro anni incredibilmente gratificanti in testa a Messenger, ho deciso che era giunto il momento per me di affrontare una nuova sfida”, ha scritto Marcus in un post di Facebook, “Sto creando un piccolo gruppo per esplorare come sfruttare al meglio Blockchain attraverso Facebook, partendo da zero.”
L’attuale vice presidente del prodotto di Instagram, Kevin Weil, lascerà questo ruolo per unirsi al team blockchain di Facebook alle dipendenze di Marcus. Le due posizioni sono le uniche annunciate finora per il team.

Rilanciare dopo lo scandalo Cambridge Analytica

La ristrutturazione della compagnia arriva a un po’ meno di un mese di distanza dalla testimonianza di Zuckerberg davanti al Congresso sullo scandalo della violazione dei dati di Cambridge Analytica, e cinque mesi dopo che Zuckerberg ha promesso di “aggiustare Facebook”. Se l’aggiunta di un’iniziativa blockchain al proprio arsenale fa parte della soluzione per Facebook, potrebbe verificarsi un maggiore controllo governativo. Recode riferisce di aver contattato Facebook per ulteriori informazioni, che saranno rese note appena disponibili. L’apertura della divisione Blockchain non è l’unico cambiamento in atto in Facebook in questi giorni. Chris Daniels, che ha lanciato l’iniziativa internet accessibile di Facebook, sta prendendo il controllo di WhatsApp dopo che il suo precedente CEO, Jan Koum, ha annunciato l’intenzione di lasciare la società il mese scorso. Will Cathcart, VP di Facebook, gestirà l’app di Facebook principale. I dirigenti responsabili di queste app, insieme a Instagram, faranno ora rapporto a Chris Cox, che sta gestendo una nuova unità chiamata “Famiglia di app”. Cox è un impiegato di Facebook di lunga data e amico del CEO Mark Zuckerberg.
Con questa radicale ristrutturazione, Facebook potrebbe cercare di aprire la strada a nuovi prodotti garantendo al contempo una gestione più agile dei suoi servizi più consolidati. WhatsApp, Messenger e l’app di Facebook principale hanno ciascuno più di un miliardo di utenti attivi mensilmente e aziende con diversi livelli di maturità. Gli studi sulla blockchain, invece, aprono scenari finora inesplorati dalla compagnia e che potrebbero spiazzare osservatori e investitori.
Leggi anche –> Facebook: aggiornamento condizioni e privacy dal 25 maggio