Facebook guarda le tue foto: ecco cosa fa quando usi Messenger

Facebook guarda le tue foto: ecco cosa fa quando usi Messenger

Facebook Messenger può sembrare la parte meno “social” di Facebook, perché lo usi solo se stai conversando con un’altra persona. Però devi sapere che quando lo stai usando, su Messenger non ci sei solo tu e il tuo compagno di chat. Facebook stesso analizza automaticamente i link e le foto allegate sul proprio sistema di chat per intercettare malware e abusi sessuali su minori. Le pagine privacy policy di Facebook non descrivono esplicitamente questa scansione automatica, ma la società ha confermato queste pratiche al noto quotidiano statunitense Usa Today e ad altri siti di notizie americani, dopo che alcune dichiarazioni di Mark Zuckerberg hanno attirato l’attenzione su questa pratica del gigante di Menlo Park. Facebook può anche esaminare i report degli utenti per i contenuti di Messenger che violano i suoi standard di comunità. Di questa scansione aveva già parlato in precedenza anche Bloomberg: in questo Messenger è molto simile agli altri principali sistemi di posta elettronica.

facebook messenger controlla i messaggiFacebook Messenger controlla i messaggi: ed è un bene

«La maggior parte dei servizi di messaggistica fa una qualche forma di controllo», ha detto Joseph Lorenzo Hall, capo tecnologo del Center for Democracy & Technology. Hall fa notare il beneficio per Facebook e per i suoi utenti derivante da un controllo automatico approfondito dei link verso i siti inseriti nella lista nera per comportamenti abusivi: gli spammer e gli scammer non possono ottenere portata e ottenere che il maggior numero possibile di persone clicchi su pagine che spingono malware pericolosi o semplicemente “adware” fastidiosi.
Anche il filtraggio della messaggistica per intercettare immagini pedofile o di bambini sfruttati è stata una pratica standard del settore per anni. In questa routine, un servizio di posta o di messaggistica esegue un controllo matematico, di solito utilizzando un sistema gestito da Microsoft chiamato PhotoDNA, per controllare le corrispondenze con un database gestito dal Centro nazionale per i bambini scomparsi e sfruttati.
«È un chiaro esempio di come gli strumenti tecnologici e (l’intelligenza artificiale, ndr) possano funzionare, per così dire, dietro le quinte per catturare i contenuti più eclatanti», ha affermato Stephen Balkam, CEO del Family Online Safety Institute (Facebook è tra le società fondatrici del gruppo, ndr). «Il modo in cui le principali piattaforme lo hanno incorporato è una grande vittoria».

Messaggi sotto controllo: gli utenti devono esserne al corrente

«Immagino che pochissimi utenti siano consapevoli che questo sta accadendo», ha detto Balkam. Un anno fa, alcune delle app mobili di Facebook Messenger aggiungevano un diverso tipo di lettura del robot: l’assistente digitale “M” può affiorare per suggerire di utilizzare tali funzionalità di Messenger come adesivi, sondaggi e condivisione della posizione. Puoi silenziare “M” nelle impostazioni di Messenger.
Sotto questo aspetto, Facebook ha solo seguito Google che ha introdotto l’opzione di Smart Reply nella sua app Inbox nel 2015 e da allora l’ha aggiunta alle app mobili di Gmail.
Facebook, Google e Microsoft, tuttavia, non eseguono la scansione dei messaggi per scopi di targeting degli annunci. Google lo ha fatto per anni nel suo servizio Gmail gratuito, ma lo ha bloccato lo scorso giugno. Non è il caso, invece, dei servizi di posta Yahoo e Aol della divisione media di Verizon: una nuova FAQ sulla privacy avvisa gli utenti mentre si collegano a pagine in cui possono rifiutare questo targeting.

Come mantenere i propri messaggi riservati

Se vuoi avere la massima privacy della messaggistica, dovrai utilizzare un servizio che crittografa la tua conversazione dallo schermo al destinatario. Joseph Lorenzo Hall del Center for Democracy & Technology ha definito l’app mobile gratuita e open-source Signal “il servizio di messaggistica tecnologicamente più avanzato e sicuro” disponibile sul mercato. Ha anche suggerito l’opzione di crittografia Secret Conversations in Facebook Messenger e la modalità di navigazione in incognito di Allo, il messenger di Google.
WhatsApp, di proprietà di Facebook, ha un’altra opzione, anche se la crittografia end-to-end funziona solo nelle conversazioni in cui tutti usano quell’app. Tieni presente, tuttavia, che la crittografia end-to-end ti esclude dalla protezione a livello di servizio da collegamenti o allegati non sicuri. Come ha detto Hall: «L’utilizzo di questi strumenti significa anche che non si ha la protezione dal filtro antispam o dal filtro antimalware di URL e file, ma questo è il compromesso» per avere messaggi crittografati.

Leggi anche: Facebook e privacy: 1,5 miliardi di account spostati per evitare il GDPR

CONDIVIDI
Paolo Cantulla
Vero, ispirato, innovatore: sono i concetti legati al suo impegno giornalistico. Ormai attivo da anni nel settore, collabora con diverse riviste trattanti tematiche legate al business ed alla tecnologia digitale.