Facebook e privacy: con il GDPR europeo a rischio chiusura 1,5 miliardi di account

Facebook e privacy: 1,5 miliardi di account spostati in USA per evitare il GDPR

Se il GDPR, il nuovo regolamento europeo sulla privacy, fosse approvato domani, quasi 1,9 miliardi di utenti di Facebook in tutto il mondo ne sarebbero protetti. La società di Menlo Park sta apportando modifiche che faranno in modo che questo numero sarà molto più piccolo. Almeno questo è quello che trapela da ambienti vicino a Facebook e rilanciati dall’agenzia Reuters. I membri di Facebook al di fuori degli Stati Uniti e del Canada, che lo sappiano o no, sono attualmente regolati da termini di servizio concordati con la sede centrale internazionale della società in Irlanda. Il mese prossimo, Facebook prevede di rendere questa situazione valida per i soli utenti europei. Questo significa che 1,5 miliardi di utenti in Africa, Asia, Australia e America Latina non rientreranno nel Regolamento generale sulla protezione dei dati dell’Unione Europea (GDPR), che entrerà in vigore il 25 maggio. Questo perché in mancanza di un’accettazione delle norme, gli account sarebbero fuori legge quindi da chiudere.

facebook sposta 1,5 miliardi utenti in USALa mossa rivela come il più grande social network del mondo desideri ridurre la sua esposizione al GDPR, che consente alle autorità di regolamentazione europee di multare le aziende per la raccolta o l’utilizzo di dati personali senza il consenso degli utenti. Ciò rimuove un’enorme potenziale responsabilità per Facebook, in quanto la nuova legge dell’UE prevede ammende fino al 4% delle entrate annuali globali per le infrazioni, che nel caso di Facebook potrebbero significare miliardi di dollari. Il cambiamento arriva come naturale conseguenza dello scandalo Cambridge Analytica, che ha scatenato preoccupazioni a livello globale su come Facebook gestisce i dati degli utenti, e interessa oltre il 70% dei 2 miliardi di membri di Facebook. A dicembre 2017, Facebook aveva 239 milioni di utenti negli Stati Uniti e in Canada, 370 milioni in Europa e 1,52 miliardi di utenti altrove. Facebook, come molte altre aziende tecnologiche statunitensi, ha fondato una filiale irlandese nel 2008 e ha approfittato delle basse aliquote dell’imposta sulle società del paese, indirizzando attraverso di essa le entrate di alcuni inserzionisti al di fuori del Nord America. L’unità è soggetta alle normative applicate dall’Unione Europea a 28 nazioni. Facebook ha detto che l’ultima modifica non ha implicazioni fiscali.

Facebook e Gdpr: applicazione “nello spirito della normativa”

In una dichiarazione rilasciata alla Reuters, Facebook ha minimizzato l’importanza dei termini del cambio di servizio, affermando che intende rendere disponibili al resto del mondo i controlli sulla privacy e le impostazioni che l’Europa otterrà con l’entrata in vigore del GDPR. “Applichiamo le stesse protezioni sulla privacy ovunque, indipendentemente dal fatto che il tuo accordo sia con Facebook Inc o Facebook Ireland”, ha affermato la società. All’inizio di questo mese, l’amministratore delegato di Facebook Mark Zuckerberg ha detto in un’intervista che la sua azienda avrebbe applicato la legge europea a livello globale “nello spirito”, ma si è fermata nel rendere il GDPR come standard per il social network in tutto il mondo. In pratica, il cambiamento significa che 1,5 miliardi di utenti colpiti non saranno in grado di presentare reclami al responsabile della protezione dei dati dell’Irlanda o ai tribunali irlandesi. Saranno invece disciplinati da leggi sulla privacy degli Stati Uniti più blandi, ha dichiarato Michael Veale, ricercatore di politiche tecnologiche presso l’University College di Londra. «Facebook avrà più margine di manovra sul modo in cui gestisce i dati su tali utenti», ha detto Veale. Alcuni tipi di dati come la cronologia di navigazione, ad esempio, sono considerati dati personali ai sensi della normativa dell’UE, ma non sono protetti negli Stati Uniti, ha affermato. La società ha affermato che la sua motivazione per il cambiamento era legata alle comunicazioni sulla privacy imposte dall’Unione Europea, “perché la legislazione dell’UE richiede un linguaggio specifico.” Ad esempio, la società ha affermato che la nuova legislazione dell’UE richiede una specifica terminologia legale sulla base legale per l’elaborazione dei dati che non esiste nella legge degli Stati Uniti.

Facebook e Gdpr: l’azienda si prepara a lasciare l’Irlanda?

L’Irlanda non era a conoscenza del cambiamento. Un funzionario irlandese, parlando a condizione di anonimato, ha detto di non sapere di alcun progetto da parte di Facebook di trasferire responsabilità all’ingrosso negli Stati Uniti o di diminuire la presenza di Facebook in Irlanda, dove il social network sta cercando di reclutare più di 100 nuovi dipendenti. Facebook ha rilasciato una revisione dei termini di servizio in forma di bozza due settimane fa, e la loro entrata in vigore è prevista per il prossimo mese.

Leggi anche: Ecco come Facebook raccoglie i dati anche di chi non ha account

CONDIVIDI
Paolo Cantulla
Vero, ispirato, innovatore: sono i concetti legati al suo impegno giornalistico. Ormai attivo da anni nel settore, collabora con diverse riviste trattanti tematiche legate al business ed alla tecnologia digitale.